menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio alimentare, licenziamenti scongiurati: "Ufficiale la vendita al Gruppo Arena"

Ad annunciare la buona notizia è Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Cisl Sicilia: "Dopo mesi di sacrifici, i lavoratori possono finalmente tirare un sospiro di sollievo"

Scongiurati i licenziamenti dei 213 dei lavoratori di Spaccio Alimentare. Ad annunciare, con una nota, la vendita al Gruppo Arena della catena italiana di supermercati e ipermercati, è Fisascat Cisl Sicilia: "Con la comunicazione ex art.47 a firma congiunta da parte di Distrubuzione Cambria e Sviluppo Arena, si ufficializza l'annunciata cessione. I lavoratori di Spaccio Alimentare transiteranno al Gruppo Arena".

"I numerosi confronti degli ultimi mesi, realizzati anche presso il ministero dello Sviluppo Economico, hanno sortito - commenta il segretario generale Mimma Calabrò - gli effetti sperati, scongiurare i licenziamenti e dare ai lavoratori prospettive di continuità occupazionale e reddituale. Dopo mesi di sacrifici, i lavoratori possono finalmente tirare un sospiro di sollievo".

I 213 dipendenti sono dislocati tra i punti vendita di Palermo (Ingham, Crocifisso e Ugo La Malfa), Lascari, Giardini Naxos, Catania, Aci Sant'Antonio e Milazzo. Dopo la recentissima acquisizione dei punti vendita Sma-Simply, Arena con l'acquisizione del gruppo a marchio Spaccio Alimentare consolida ancor più la propria presenza sul territorio. "Abbiamo già richiesto un incontro all’azienda per esperire l’esame congiunto - conclude la Calabrò - e continueremo a seguire la videnda passo passo sempre a tutela e a garanzia dei lavoratori e dei loro diritti".

"Dopo l'autorizzazione da parte del giudice - dichiara Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia- ci aspettavamo questa procedura. Adesso chiederemo l'esame congiunto. Auspichiamo la garanzia di tutti i livelli occupazionali alle condizioni economiche e normative preesistenti e assicuriamo il massimo impegno a salvaguardia di questo importante bacino del settore del commercio". La Cambria - spiega il sindacato - ha intrattenuto per anni rapporti commerciali con la società Sma del gruppo Auchan, accumulando un debito nei confronti di Sma per merce non pagata. Da qui è nato un contenzioso fino a quando la società Cambria, al fine di scongiurare il fallimento, ha dovuto avviare la procedura per chiedere il concordato in bianco.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento