Call center, Ugl: "Spregiudicatezza di Sky non ha limiti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Al momento possiamo dire che la spregiudicatezza di Sky non ha limiti, così hanno dato il buon primo maggio ai lavoratori di Palermo con una comunicazione del 30 aprile nella quale dichiarano la cessazioni dell’appalto dei Servizi di Customer Care Inbound in un periodo di emergenza sanitaria mondiale, in cui tutto ci aspettavamo, ma non che un colosso come Sky trattasse così le persone che da decenni lavorano e fanno realizzare lauti guadagni”. A dichiararlo è Claudio Marchesini, segretario regionale dell’Ugl Telecomunicazioni in Sicilia. “Chiediamo un immediato intervento del Governo su Sky, ma anche su tutti gli altri committenti – aggiunge Marchesini - le istituzioni nazionali e territoriali non possono permettere una simile mattanza di lavoratori e lavoratrici, l’Ugl Telecomunicazioni porrà in essere insieme alle altre organizzazioni sindacali tutte le azioni possibili per scongiurare questa nuova catastrofe per i siciliani. In questi anni troppi incontri , troppi tavoli , troppi ammortizzatori sociali – conclude – i lavoratori dei call center sono esausti, Sky ha dimostrato ancora una volta tutta la sua insensibilità". 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento