rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Economia

Sicily by Car punta a espandersi in Italia e all'estero: ok a fusione con Indstars per quotarsi in Borsa

L'operazione che vede coinvolta l'azienda di autonoleggio verrà perfezionata entro luglio e prevede una valorizzazione di 298,3 milioni di euro. L'ad Dragotto: "Con l'accesso al mercato dei capitali sapremo cogliere le opportunità del settore turistico, leva di crescita dell’economia italiana e del Made in Italy"

Sicily by Car, azienda di autonoleggio fondata nel 1963 da Tommaso Dragotto, si fonderà con Industrial Stars of Italy 4 (Indstars) ritrovandosi così quotata in Borsa, con una valorizzazione di 298,3 milioni di euro.

Un'operazione, si legge in una nota, che punta a fare "un ulteriore 'salto', consolidandosi in Italia e accelerando l'espansione all'estero". Indstars è una Spac, acronimo che sta per Special purpose acquisition companies: ovvero un cosiddetto "veicolo societario" con risorse finanziarie esclusivamente, che viene costituito con l'obiettivo di quotarsi in Borsa e, successivamente, individuare una società operativa non quotata (target) con la quale integrarsi (business combination).

"La finalizzazione della business combination - commenta Dragotto, amministratore delegato di Sicily by Car - consentirà al gruppo l'accesso al mercato dei capitali accelerando lo sviluppo strategico di crescita per linee esterne sul mercato paneuropeo, in linea con il progetto SbC Europe. Grazie alla visibilità derivante dalla quotazione sapremo cogliere le opportunità del settore turistico, leva di crescita dell’economia italiana e del Made in Italy".

In sintesi l’operazione prevede la cessione da Dragotto Holding a Indstars 4 - la Spac promossa da Giovanni Cavallini, Attilio Arietti, Davide Milano ed Enrico Arietti - di azioni ordinarie di Sicily by Car per 39 milioni di euro e la sottoscrizione da parte della Spac di un aumento di capitale tra 61 e 66 milioni di euro con conseguente emissione di un numero di nuove azioni ordinarie tra minime 6.100.000 e massime 6.600.000.

L'equity di SbC, precisa la nota diffusa nella mattinata di oggi, viene valorizzato a 298,3 milioni e "ci si attende che la percentuale di flottante al primo giorno di quotazione di Sicily by Car su Euronext Growth Milan si collocherà in un intervallo compreso tra il 30,4% e il 29,5% in funzione del recesso".

Previsto anche il rinnovo del Consiglio d'amministrazione, che comprenderà un totale di 5 membri, tra cui un consigliere indipendente e Giovanni Cavallini come consigliere non esecutivo in rappresentanza dei promotori. La business combination si perfezionerà entro luglio. "Data che coinciderà con l'inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie e dei warrant di SbC su Euronext Growth Milan, il cui processo di quotazione sarà avviato quanto prima. Successivamente SbC richiederà l’ammissione alla quotazione sul listino principale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicily by Car punta a espandersi in Italia e all'estero: ok a fusione con Indstars per quotarsi in Borsa

PalermoToday è in caricamento