rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Economia Oreto-Stazione / Corso Tukory

"Stipendi non pagati": scioperano i lavoratori dei supermercati Fortè

I sindacati in una nota: "I dipendenti sono stanchi di subire pretese illegittime in termini di ore di lavoro e ritardi nei pagamenti"

Le organizzazioni sindacali autonome Usi e Sinalp Sicilia hanno indetto una giornata di sciopero generale con un sit-in nei punti vendita della Meridi Srl, titolare del marchio Fortè. 

"Si è giunti a tale decisione - spiegano i sindacati - dopo una importante e partecipata riunione sindacale dei lavoratori del gruppo Meridi srl che lamentano i mancati pagamenti degli ultimi stipendi e il mancato rispetto degli orari di servizio e delle qualifiche di assunzione, condizioni queste inaccettabili in un paese che si definisce civile e democratico. Purtroppo in questi ultimi anni stiamo assistendo, in generale, ad una volontà dei datori di lavoro di voler massimizzare i profitti non tenendo in alcun conto il rispetto dei lavoratori che hanno permesso, con il loro lavoro ed il loro attaccamento all'azienda, di raggiungere traguardi che poi spesso vengono annullati dalla dirigenza con scelte e spese opinabili".

I sindacati aggiungono: "Accertato che l'obiettivo primario di un'azienda è quello di fare utili, esiste anche un obbligo normativo e morale di pagare gli stipendi a chi partecipa con il loro lavoro alla crescita aziendale. Pur avendo in tutti i modi cercato di interloquire con la dirigenza aziendale della Meridi Srl, al fine di trovare una soluzione condivisa ed in grado di soddisfare le giuste pretese dei lavoratori e le esigenze aziendali, non si è riusciti ad avere un incontro, anche semplicemente interlocutorio. Questo atteggiamento ostracistico nei confronti dei propri dipendenti e delle organizzazioni sindacali che li rappresentano alla fine ha costretto i lavoratori ad agire, nel rispetto delle vigenti normative, ed indire un sit-in in alcuni punti vendita del gruppo Meridi per richiamare per l'ennesima volta l'attenzione al grido di dolore di lavoratori, padri e madri di famiglia, che sono stanchi di subire pretese illegittime in termini di ore di lavoro, ritardi nei pagamenti e nel non rispetto delle qualifiche di lavoro".

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto ("per l'ennesima volta") l'apertura di un tavolo di trattativa con l'azienda affinchè si possa finalmente trovare una soluzione la più condivisa possibile. "Altrimenti - chiude la nota - saranno programmate altre iniziative affinchè ci si renda conto dell'ingiustizia che questi lavoratori subiscono giornalmente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stipendi non pagati": scioperano i lavoratori dei supermercati Fortè

PalermoToday è in caricamento