rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Economia

Saldi invernali al via, le stime di Confcommercio: "I siciliani spenderanno circa 100 euro a testa"

Dal 2 gennaio shopping a prezzi scontati. Il presidente regionale Manenti: "Oltre un milione e mezzo le famiglie che ne approfitteranno per fare acquisti, giro d'affari complessivo di circa 300 milioni di euro"

Oltre un milione e mezzo di famiglie interessate, una spesa a persona di circa 100 euro e un giro d'affari complessivo di circa 300 milioni di euro. Sono queste le stime dell’ufficio studi Confcommercio sui saldi invernali, al via domani in Sicilia. "In un periodo in cui l’incertezza regna sovrana, i saldi invernali - afferma il presidente regionale Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti - restano uno degli approdi certi a cui fare riferimento per tornare a respirare un poco di normalità anche nella nostra terra”.

Gli sconti, per Confcommercio, rappresentano una risposta importante al contenimento dell’inflazione. “Dopo i segnali di ripresa registrati in stagione, nonostante le molte preoccupazioni per il Covid-19 – aggiunge il presidente Manenti – gli ineludibili incrementi dei prezzi fanno di questi saldi una importante risposta degli operatori commerciali al contenimento dell'inflazione e un'opportunità per i consumatori a caccia dell’affare e per oltre un milione e mezzo di famiglie siciliane la possibilità di concedersi un regalo di moda e soddisfare un desiderio dopo tante restrizioni”. 

Manenti chiarisce che si tratta “di un'eccezionale occasione anche per consolidare lo shopping sotto casa nei negozi di prossimità dove fiducia, relazione, servizio, prova e consegna istantanea unitamente al prezzo di saldo fanno propendere i consumatori per un acquisto nei punti vendita delle nostre città e dei nostri centri. Le vendite di fine stagione sono sempre una straordinaria opportunità per i consumatori ma per noi commercianti servono per avere liquidità rinunciando ai margini nell’auspicio però che possano aiutare a far trovare una stabilità di cui tutti abbiamo bisogno”.

“Sarà una grande occasione per commercianti e consumatori - spiega Patrizia Di Dio, presidente di Federmoda e Confcommercio Palermo - in un clima complessivo di fiducia, nonostante la nuova ondata di contagi e l’inflazione che cresce. Da un lato i commercianti, pur rinunciando ai margini di profitto, puntano alla liquidità necessaria per superare il lungo periodo di crisi e cercare faticosamente di raggiungere una stabilità; dall’altro i consumatori si troveranno di fronte ottime opportunità per acquisti di capi attuali e  di qualità avendo comunque sotto controllo le proprie spese grazie agli sconti che mediamente si orienteranno tra il 30 e il 50%”.

“Quello dei saldi - aggiunge la Di Dio - è anche il momento in cui si consolida il rapporto di fiducia con i clienti abituali che è una delle caratteristiche più importanti dei negozi 'sotto casa', ovvero di prossimità, che rappresentano poi le luci quotidiane delle nostre città, il luogo dove poter affrontare spese consapevoli, con il controllo immediato e non 'virtuale' della merce, la prova delle taglie, la fruizione di un servizio adeguato per i clienti, la consegna immediata, la possibilità di cambiare la merce e soprattutto la verifica della bontà e della reale competitività dei prezzi”. Confcommercio invita commercianti e clienti al rispetto delle regole imposte dalla pandemia in materia igienico - sanitarie, che impongono di indossare le mascherine e di rispettare il distanziamento all’interno dei locali, che non dovranno prevedere assembramenti. L'associazione ricorda inoltre che i negozianti avranno l’obbligo di indicare su ogni capo il normale prezzo di vendita, lo sconto previsto dai saldi e di conseguenza anche il prezzo finale. “I saldi 2022 - conclude la Di Dio - saranno la prima opportunità economica del nuovo anno e sono certa che il loro andamento positivo sarà un’iniezione di fiducia per tutta l’economia”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi invernali al via, le stime di Confcommercio: "I siciliani spenderanno circa 100 euro a testa"

PalermoToday è in caricamento