rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Economia

Flop saldi in Sicilia: "Prime due settimane deludenti, vendite sotto i livelli raggiunti nel 2019"

E' questo il primo bilancio di Confesercenti a 15 giorni dall'avvio della stagione invernale. "A Palermo nessuna fila alle casse o ai camerini"

Effetto saldi sotto le aspettative in tutta la Sicilia. A 15 giorni dall'avvio della stagione invernale dei saldi, Fismo Confesercenti Sicilia traccia un primo bilancio.

"Il giudizio è unanime in tutte le province siciliane seppure con qualche lieve differenza: la ripresa attesa dopo gli anni 2020 e 2021 falsati dalla pandemia non c'è stata e le vendite si assestano ancora sotto al 2019, considerato da tutti l'anno della normalità", è il pensiero dell'associazione.

Sul mancato successo dei saldi invernali 2022 avrebbero inciso vari fattori, tra cui il clima che ha toccato temperature primaverili fino a qualche giorno fa. L'anticipo dei saldi al 2 gennaio ha inoltre frenato gli acquisti di moda come regalo da mettere sotto l'albero e gli acquisti personali. "A Catania dopo l'entusiasmo delle prime 48 ore, l'euforia per i saldi si è spenta", dice il presidente della Fismo etnea Francesco Musumeci.

"Nessuna fila alle casse o ai camerini neppure a Palermo già a partire dal quarto giorno di saldi", afferma Massimo Mangano, vice presidente di Confesercenti Palermo e titolare di un negozio di calzature multimarca. "La vivacità dei primi giorni - aggiunge - non basta a segnare un'inversione di tendenza soprattutto per le piccole aziende a conduzione familiare che con questo andazzo, sono destinate a restare ai margini e chiudere".

A fare la differenza è l'investimento che un negozio monomarca o in franchising richiede rispetto ad un negozio multimarca a conduzione familiare. "In quest'ultimo caso - spiegano i responsabili di Confesercenti - le perdite ricadono totalmente sui titolari che rischiano di ritrovarsi a fine stagione con un magazzino pieno di invenduto che ha perso valore". A deludere sono anche i saldi in provincia di Messina, terza città metropolitana. "Lo scontento da parte dei commercianti è evidente", sottolinea il presidente provinciale di Confesercenti Alberto Palella. Il boom atteso, insomma, non c'è stato. E il bilancio negativo non risparmia neppure le altre città dell'Isola: Trapani, Ragusa, Siracusa, Caltanissetta, Enna e Agrigento. La merce in saldo resterà in vendita fino a marzo per lasciare poi spazio alle nuove collezioni primavera-estate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flop saldi in Sicilia: "Prime due settimane deludenti, vendite sotto i livelli raggiunti nel 2019"

PalermoToday è in caricamento