rotate-mobile
Economia

Cgil, Cisl e Uil sulla riforma dei forestali: "Stop alle speculazioni, noi contrari al Ddl"

I sindacati in una nota: "In gioco il futuro dei lavoratori e di tutto il servizio forestale pubblico"

"Siamo contrari al Ddl di riforma dei forestali esitato dalla Commissione Attività Produttive dell’Ars”. Lo dichiarano i segretari generali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Sicilia, Adolfo Scotti, Tonino Russo e Nino Marino che aggiungono: “La nostra posizione è chiara e oggi serve anche a dissipare ogni forma di dubbio e di speculazione circa le varie posizioni assunte dalle Organizzazioni Sindacali nell’ambito dell’incontro avuto recentemente con l’assessore Scilla”.

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil sottolineano le carenze e le lacune di questo Ddl: il blocco del turn over con conseguente estinzione del contingente dei lavoratori a tempo indeterminato, il mancato ricambio generazionale all’interno del settore che comporterebbe la fine della forestale pubblica e le esigue risorse messe a disposizione dal Governo “per una riforma - aggiungono Scotti, Russo e Marino - che dovrebbe guardare ad un settore strategico di sviluppo per la nostra Regione, ma che invece continua a essere ingiustamente considerato terreno di assistenzialismo e fonte di spreco”. Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil chiedono chiarezza su specifici aspetti della riforma proposta.

“Rispetto alla originaria proposta di due contingenti di 120 e 180 giornate prima e a quella successiva di un unico contingente di  180 giorni, i tecnici della Regione dovranno spiegare con dati alla mano - proseguono Scotti, Russo e Marino - così come dichiarato nel corso dell’incontro, come pensano di fare raggiungere questo risultato in 4 o 5 anni e  con quali modalità, considerato che in campo ci sono soltanto le  risorse derivanti da risparmi dei pensionamenti e un consolidato di spesa di 231  milioni”.

“A noi stanno a cuore il futuro dei lavoratori e la valorizzazione dell’ambiente come risorsa - affermano Scotti, Russo e Marino  - quindi  pur  rimanendo fermi nella nostra a idea di riforma con due contingenti 151 e tempo  indeterminato, stiamo cercando e valutando eventuali  soluzioni per una mediazione che porti ad una riforma il più possibile  condivisa, dato che la Regione, come dichiarato dall’assessore Scilla, non  intende e non può aumentare la spesa in questo settore sulla base dell’accordo Stato  Regione relativa allo spalmadebiti. Resta inteso che l’ultima parola spetta ai lavoratori;  qualsiasi risultato che si raggiungerà o meno dal confronto, sarà  valutata, discussa e approvata dalle assemblee dei lavoratori, per decidere future iniziative di lotta o condividere i risultati della mediazione ottenuta”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil, Cisl e Uil sulla riforma dei forestali: "Stop alle speculazioni, noi contrari al Ddl"

PalermoToday è in caricamento