La mobilitazione dei rider: 200 firme per dire "No" al contratto Assodelivery-Ugl

L'iniziativa in vista del tavolo a Roma tra il ministro Catalfo e i sindacati. Il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso: "I lavoratori hanno bisogno di tutele e di misure di sicurezza più che adeguate"

Raccolte 200 firme dei rider per dire "No" al contratto sottoscritto tra Assodelivery e Ugl, ritenuto peggiorativo delle condizioni dei lavoratori.  E' questo il messaggio che parte da Palermo in vista del tavolo, in videoconferenza, che si terrà domani a Roma tra i sindacati e il ministero del Lavoro. 

"Questo tavolo di confronto, per discutere di un contratto collettivo nazionale di lavoro per i rider – afferma il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso - siamo riusciti a ottenerlo grazie alla mobilitazione che si è svolta in molte città italiane, a Palermo in particolare: alla settimana di protesta l'adesione, in alcune compagnie del food delivery, ha raggiunto punte del 90 per cento. Dopo lo sciopero del 30 ottobre, abbiamo continuato a raccogliere le firme. Nella  etizione che hanno sottoscritto, i lavoratori dichiarano esplicitamente di non essere iscritti all'Ugl, di non condividere l'accordo firmato da Assodelivery e di sostenere le posizioni della Cgil. Le firme le abbiamo raccolte tra Rider di tutte le piattaforme, Uber Eats, Glovo, Deliveroo, Social Food”.
 
Nidil Cgil Palermo denuncia che in questi giorni, a circa una settimana dall'entrata in vigore del contestato accordo, la compagnia Uber Eats ha applicato “tariffe bassissime per le consegne, anche inferiori a 3 euro”. “E anche Glovo – aggiunge Gattuso - ha abbassato la paga base di 50 centesimi, ridotto la paga per le consegne a domicilio con distanze  più lunghe e abbassato il bonus per le attese. Anche la palermitana Socialfood ha applicato il nuovo accordo non esplicitando però nel contratto alcuni elementi della retribuzione che sono stati comunicati ai lavoratori. In generale, in questo periodo, a causa della chiusura di bar e ristoranti,  abbiamo assistito anche a un aumento del  numero di assunzioni, per la previsioni di maggiori ordinazioni. Cosa che al momento non è accaduta. E quindi è aumentata la platea dei ciclofattorini ma non il lavoro. Ai fattorini di  Deliveroo ci hanno riferito invece che le ore del calendario settimanale si sono ridotte. In sostanza, i rider palermitani in questa prima settimana di applicazione del nuovo accordo non hanno visto nessuno dei  benefici tanto decantati dalle piattaforme ma solo un abbassamento delle loro retribuzioni. Al tavolo manifestiamo un forte dissenso che viene da parte dei lavoratori verso questo contratto e ci aspettiamo un cambio di rotta deciso  - prosegue Gattuso - Altrimenti sarà inevitabile che continui la mobilitazione. I rider sono gli unici che in questo momento circolano la sera e tengono in piedi i ristoranti e hanno bisogno di tutele e di misure di sicurezza più che adeguate”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento