Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

Palermo è terza per domande presentate, dietro Napoli e Roma: 33.138 le richieste totali, l'Inps ne ha bocciate 6.699. Le restanti 235 istanze sono in evidenza, perché "è necessaria un'ulteriore attività istruttoria". Oltre il 70% degli assegni supera i 300 euro

La provincia di Palermo è al terzo posto in Italia per richieste di reddito di cittadinanza accolte. E' quanto si evince dai dati ufficiali diffusi dall'Inps, relativi a marzo. Delle 33.138 domande presentate, l'istituto di previdenza ne ha avallate 26.204 e ne ha bocciate 6.699. Le restanti 235 istanze sono in evidenza perché, spiega l'Inps, "è necessaria un’ulteriore attività istruttoria".

Le cifre rese note dall'Inps collocano la provincia palermitana sul podio a livello nazionale dietro Napoli e Roma. Ci sono intere regioni - come Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta - che hanno meno aventi diritto della sola provincia di Palermo. In Sicilia sono complessivamente 87.775 le domande accolte su 112.714 presentate. L'Isola, assieme alla Campania (26.772), è la regione con il maggior numero di domande respinte: 24.145. Segue la Lombardia con 19.756 richieste bocciate.

Commentando i primi numeri sull'accoglimento delle domande per il reddito di cittadinanza, Consulta dei Caf mette in evidenza un punto in particolare: "I dati sono al di sotto delle stime del governo - dichiara il coordinatore Massimo Bagnoli -. Non credo che si arriverà ad 1 milione e 300 mila famiglie beneficiarie in tutta Italia, calcolando altre 80-100 mila domande che arriveranno ad aprile. Forse la realtà stimata dall'esecutivo è diversa dalla realtà: c'è una povertà non adeguatamente intercettata e valutata, probabilmente sopravvalutata". Secondo Bagnoli "il 95% dei richiedenti non sa nulla" sulla misura, ma va a chiedere i "780 euro dei titoli di giornale".  

Oltre il 70% degli assegni, comunica l'Inps, supera i 300 euro. Il 50% è compreso nella fascia tra 300 e 750 euro, mentre oltre i 750 euro si attesta il 21% delle somme in pagamento. Soltanto il 7% è compreso nella fascia tra i 40 e i 50 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento