Re-fream la call per artisti e designer sulle tecnologie per il settore T&A

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Martedì 14 maggio alle 17.00 presso Cre.Zi.Plus il Consorzio Arca, partner di progetto, presenterà la call Re-FREAM (www.re-fream.eu). Siamo alla ricerca di artisti e designer che possano collaborare insieme a ricercatori e scienziati per progetti di ricerca innovativi nell'ambito della produzione tessile. Tali progetti verranno sviluppati in un percorso assistito lungo tre spazi di co-creazione, in cui 20 artisti potranno creare concept innovativi insieme a scienziati e specialisti lungo un periodo di 9 mesi, con finanziamenti per i progetti migliori pari a € 55.000. Ogni spazio di co-creazione sarà situato in uno specifico hub, a Valencia, Berlino e Linz.

Potete candidarvi alla prima delle due call previste (con 10 progetti finanziati per ogni call) attraverso il sito ufficiale, entro e non oltre il 30 maggio 2019. La call è rivolta a PMI, startup, liberi professionisti e freelancer. Al fine di supportare la presentazione delle candidature e proposte il Consorzio ARCA attraverso il suo Textile Lab invita gli interessati ad una presentazione per meglio comprendere le attese e le potenzialità del progettto. Il progetto è parte dell'iniziativa della Commissione europea, STARTS (Science, Technology & the Arts) lanciata nell'ambito del programma di ricerca e innovazione H2020 e ha come scopo quello di sostenere collaborazioni tra artisti, scienziati, ingegneri e ricercatori per sviluppare tecnologie più creative, inclusive e sostenibili nel campo della moda.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento