Da avvocatura ok a mobilità Rap-Reset, Fiadel-Cisal: “Grande soddisfazione, ora basta alibi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Il parere pro veritate dell’Avvocatura del Comune di Palermo ha sancito in modo ufficiale e definitivo che la mobilità dei 94 lavoratori da Reset a Rap è valida e ineccepibile, come la Fiadel-Cisal dice da tempo nonostante i soliti profeti di sventura. Adesso non ci sono più alibi: la Rap, in continua emergenza e bisognosa di personale, avvii un passaggio che è a costo zero e a beneficio della città, così da farla tornare subito pulita”. Lo dicono Giuseppe Badagliacca e Nicola Scaglione di Fiadel-Cisal. “La nota con cui il vicesindaco Fabio Giambrone e l’assessore all’Ambiente Sergio Marino dicono a Rap di procedere senza indugio dimostra la buona volontà dell’amministrazione comunale – continuano i sindacalisti – Spiace che i vertici Rap abbiano perso tempo, aizzati da chi presagiva sfaceli inesistenti. La graduatoria è ancora perfettamente valida e utilizzabile, così come aveva già stabilito il Segretario generale anche nella sua veste di Direttore generale dell’ente: la Rap ha bisogno di personale per migliorare i servizi alla città e attingere al bacino Reset è la soluzione più veloce e giuridicamente corretta”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento