rotate-mobile
Economia

Randazzo, sede a Bologna: siglata intesa per il personale amministrativo

La storica azienda palermitana è stata acquistata nel 2014 dal colosso olandese Grand Vision. Dal 1 luglio 2016 ci sarà un'unica sede amministrativa in Emilia-Romagna, dove si trasferiranno buona parte dei lavoratori

Chi accetterà di trasferirsi nella nuova sede di Bologna riceverà un contributo all’affitto fino a mille euro al mese e sarà stabilizzato. Chi resterà a Palermo passerà a part-time ma riceverà il rimborso sul corso di formazione per riqualificarsi. Chi deciderà invece di lasciare il posto potrà ottenere fino a 15 mensilità come incentivo all’esodo. Dopo una lunga trattativa, ieri sera è stato siglato l’accordo per il mantenimento dei livelli occupazionali dei lavoratori della sede amministrativa della storica azienda palermitana Randazzo, acquistata nel dicembre 2014 da Grand Vision, il colosso olandese che possedeva già la catena Avanzi. Dal 1 luglio 2016, Randazzo e Avanzi saranno un’unica azienda, con un’unica sede amministrativa a Bologna, dove si trasferiranno buona parte dei lavoratori.

“La chiusura della sede amministrativa su Palermo – afferma Monja Caiolo – è una grave perdita per la nostra città, che già due anni fa aveva perso, con la vendita, l’ultima delle grandi aziende storiche palermitane: la Randazzo. Purtroppo le ragioni della riorganizzazione aziendale hanno prevalso e non è stato facile individuare soluzioni condivise che permettessero di rendere meno disagevoli gli effetti del trasferimento su Bologna per i lavoratori. Con gli sforzi di tutti, dopo un’estenuante trattativa, si è arrivati alla sottoscrizione di un accordo che prova a tenere conto delle esigenze di tutti i lavoratori".

L’accordo, sottoscritto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, infatti, prevede facilitazioni economiche per coloro che si trasferiranno a Bologna per proseguire l’attività amministrativa, piuttosto che in altre sedi d’Italia per una ricollocazione all’interno della rete vendita. L’azienda si farà carico, per un anno, del costo dell’affitto per ciascun dipendente, riconoscendo anche i costi per il trasloco, per un’eventuale agenzia immobiliare per la ricerca della casa, un mese di alloggio in hotel. Stesse facilitazioni anche per chi accetterà il trasferimento su Siracusa, Messina e Agrigento.

“Rispetto a una società che ha comunicato di cessare la propria attività amministrative sul territorio – dice Marianna Flauto, segretario della Uiltucs - l’impegno profuso da sindacati ha raccolto i suoi frutti perché ritengo sia stato raggiunto un buon accordo per i lavoratori. L’intesa riconosce ai lavoratori trasferiti una integrazione al reddito e ad alcuni ha dato la possibilità di restare anche se col sacrificio del passaggio dal contratto full-time a part-time, ma in ogni caso è previsto un diritto di prelazione a Palermo e Trapani e per eventuali posti liberi da ricoprire”. 

Nel dettaglio, per i circa 30 lavoratori sono state previste misure per rendere meno traumatico l’eventuale trasferimento. Chi accetterà di trasferirsi riceverà un rimborso di mille euro al mese per un anno  per l’affitto, avrà le eventuali spese di intermediazione dell’agenzia pagate, riceverà fino a 5 mila euro per le spese di trasloco, avrà rimborsato il biglietto per tutta la famiglia e per il primo mese di vita a Bologna avrà pagato anche l’eventuale soggiorno in residence. Inoltre potrà chiedere di essere stabilito passando da part-time a full-time. Alcuni posti sono liberi in provincia di Trapani ma in questo caso l’azienda erogherà un contributo all’affitto fino a 700 euro al mese. Nel caso in cui si libereranno posti in Sicilia sarà data priorità ai dipendenti che si erano trasferiti. Chi resterà a Palermo sarà ricollocato come ottico dopo aver frequentato un corso per il conseguimento del relativo titolo professionale e riceverà un rimborso delle rate pagati o da pagare. I dipendenti invece che decideranno di lasciare otterranno un incentivo all’esodo di undici mensilità che saliranno a quindici per i lavoratori inquadrati nel primo livello e con oltre 20 anni di anzianità.

"Con la sottoscrizione dell'accordo - dichiara Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Regionale Sicilia - seppur raggiunte misure finalizzate a mitigare l'impatto del trasferimento dei lavoratori, va via quello che è stato per anni il cuore pulsante dell'azienda. Pur non avendo mai condiviso la determinazione di Avanzi di centralizzare la  sede amministrativa su Bologna poichè fortemente preoccupati delle ripercussioni che tale scelta avrebbe avuto sui lavoratori di Palermo, dopo lunghe ed estenuanti trattative, si è riusciti a contenere i disagi che dal trasferimento potrebbero esserne scaturiti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Randazzo, sede a Bologna: siglata intesa per il personale amministrativo

PalermoToday è in caricamento