menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Indipendenza, ex lavoratori Coinres in sciopero della fame

Protestano da giorni con un presidio davanti Palazzo d’Orleans. La Fit Cisl: "Subito la loro riassunzione, governo ripristini diritto e legalità"

Protestano da giorni con un presidio davanti Palazzo d’Orleans a piazza Indipendenza e portando avanti lo sciopero della fame, circa una quarantina dei 180 lavoratori ex Coinres licenziati tre anni fa dal consorzio che gestisce la raccolta in 21 paesi del palermitano, nonostante un accordo stragiudiziale siglato con la task force per l’occupazione della Regione nel 2009, aveva sancito il loro passaggio come dipendenti all’Ato Palermo 4, e quindi l’acquisizione di tutti i diritti.

“Prima di tutto il diritto alla continuità occupazionale sancito dalla legge regionale 9 sul settore dei rifiuti – commentano Dionisio Giordano segretario regionale Fit Cisl Ambiente e Alessandro Miranda segretario provinciale Fit Cisl –. Nonostante le norme,  sono stati licenziati tre anni fa, mentre ancora oggi i sindaci dell’Ato Palermo 4 con fantomatiche ordinanze contingibili ed urgenti affidano a ditte private esterne il servizio che doveva essere svolta da questi 180 lavoratori, alimentando così una ‘guerra’ fra poveri”.

“Tutto avviene - aggiungono - violando  una legge che impone quali lavoratori devono essere adibiti ai servizi di igiene ambientale in Sicilia, quelli cioè provenienti dagli Ato. Più volte abbiamo puntato il dito contro l’incapacità di governance dimostrata dall’esecutivo regionale sul sistema rifiuti in Sicilia, riteniamo sia un banco di prova per il governatore Crocetta e il suo assessore all’Energia e Rifiuti Contrafatto,   ripristinare legalità, legittimità e dignità a questi lavoratori, oggi abbandonati e affamati”. Giordano e Miranda concludono “se realmente il governo regionale vuole far prevalere il diritto, rimetta immediatamente in servizio i 180 ex lavoratori Coinres. La protesta in piazza Indipendenza continuerà fino a quando non rientreranno tutti in servizio”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento