Poste Italiane nel caos, precari sul piede di guerra: "Stop agli straordinari"

I lavoratori - confluiti nel comitato #FullTimeSubito - protestano contro l'accordo siglato dall'azienda e dai sindacati a Roma che prevede solo 38 stabilizzazioni sull'Isola: chiedono di rivedere i numeri al rialzo e annunciano di cancellarsi in blocco da tutte le sigle

Poste Italiane nel caos. Ieri a Palermo si è svolta la prima assemblea dei lavoratori precari e part time dell'azienda confluiti nel comitato di protesta #FullTimeSubito contro l'accordo sulle politiche attive siglato da azienda e sindacati nazionali di categoria lo scorso 13 giugno che prevede solo 38 stabilizzazioni in Sicilia. Al termine dell'incontro i lavoratori hanno annunciato le forme di protesta che intendono mettere in campo: "Procederemo a cancellature collettive ed in blocco da tutte le sigle sindacali, perché non ci sentiamo più rappresentati dai sindacati che avrebbero dovuto opporsi ad un accordo così mortificante per la Sicilia. Ci asterremo dalle prestazioni straordinarie per evidenziare le carenze di personale sull'Isola. Contestualmente abbiamo provveduto a lanciare una petizione on line per sensibilizzare anche l’opinione pubblica e chiedere il supporto di tutti". Il comitato chiede all’azienda di rivedere al rialzo i numeri dell'accordo previsti per la Sicilia. 

Al via dunque una stagione di battaglia e di confronto, che vede i precari ed i part time siciliani di Poste Italiane sul piede di guerra. Numerose intanto le interrogazioni presentate alla Camera dei Deputati, presentato anche un ordine del giorno all’Ars dai deputati di #diventeràbellissima. Adesso la palla passa al governo nazionale ed a quello regionale. “Siamo felici - si legge in una nota ufficiale del comitato - per le numerosissime adesioni al nostro comitato, oltre ogni aspettativa, segnale tangibile di un problema reale. Abbiamo, per questo motivo, deciso di passare dalle parole ai fatti”.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

Torna su
PalermoToday è in caricamento