Poste Italiane nel caos, precari sul piede di guerra: "Stop agli straordinari"

I lavoratori - confluiti nel comitato #FullTimeSubito - protestano contro l'accordo siglato dall'azienda e dai sindacati a Roma che prevede solo 38 stabilizzazioni sull'Isola: chiedono di rivedere i numeri al rialzo e annunciano di cancellarsi in blocco da tutte le sigle

Poste Italiane nel caos. Ieri a Palermo si è svolta la prima assemblea dei lavoratori precari e part time dell'azienda confluiti nel comitato di protesta #FullTimeSubito contro l'accordo sulle politiche attive siglato da azienda e sindacati nazionali di categoria lo scorso 13 giugno che prevede solo 38 stabilizzazioni in Sicilia. Al termine dell'incontro i lavoratori hanno annunciato le forme di protesta che intendono mettere in campo: "Procederemo a cancellature collettive ed in blocco da tutte le sigle sindacali, perché non ci sentiamo più rappresentati dai sindacati che avrebbero dovuto opporsi ad un accordo così mortificante per la Sicilia. Ci asterremo dalle prestazioni straordinarie per evidenziare le carenze di personale sull'Isola. Contestualmente abbiamo provveduto a lanciare una petizione on line per sensibilizzare anche l’opinione pubblica e chiedere il supporto di tutti". Il comitato chiede all’azienda di rivedere al rialzo i numeri dell'accordo previsti per la Sicilia. 

Al via dunque una stagione di battaglia e di confronto, che vede i precari ed i part time siciliani di Poste Italiane sul piede di guerra. Numerose intanto le interrogazioni presentate alla Camera dei Deputati, presentato anche un ordine del giorno all’Ars dai deputati di #diventeràbellissima. Adesso la palla passa al governo nazionale ed a quello regionale. “Siamo felici - si legge in una nota ufficiale del comitato - per le numerosissime adesioni al nostro comitato, oltre ogni aspettativa, segnale tangibile di un problema reale. Abbiamo, per questo motivo, deciso di passare dalle parole ai fatti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Le cose si mettono male...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Incidenti stradali

    Ci risiamo, incidente in via Roma: un altro pedone investito, è grave

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento