menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Proroga del Durc per le imprese edili, i sindacati: "Così si regolarizza l'illegalità"

Per la Fillea Cgil Sicilia la proroga della validità del documento unico di regolarità contributiva oltre il 15 giugno, votata ieri dalla commissione Bilancio della Camera, è "una scelta grave"

Per la Fillea Cgil Sicilia la proroga della validità del Durc (documento unico di regolarità contributiva) oltre il 15 giugno, votata ieri dalla commissione Bilancio della Camera, è “una scelta grave - dice il segretario generale Mario Ridulfo- che, se confermata dal Parlamento,costituirebbe un vero e proprio tradimento per gli operai edili, costretti a pagare di tasca propria il costo della ripartenza del settore delle costruzioni”.  La Fillea Sicilia chiede a tutte le forze politiche di “impegnarsi a ripristinare l’articolo cancellato e anche di rendere il rilascio del Durc e del Durc per congruità (che attesta la congruità della manodopera per ogni cantiere) vincolante senza deroghe e proroghe”. Il Durc, rilasciato da Inps, Inail e Casse edili attesta la regolarità contributiva e retributiva delle imprese nei confronti di Inps, Inail, e delle stesse casse edili in riferimento a parte della retribuzione degli operai come ratei ferie, tredicesime, permessi.

“Prorogare la validità del Durc- sostiene Ridulfo- significa che un’impresa potrebbe decidere di non versare contributi e retribuzione dei lavoratori, determinando un danno economico immediato agli operai che aspettano la liquidazione nel mese di luglio delle ferie e in prospettiva una minore contribuzione pensionistica. Ciò - aggiunge- causerà inevitabilmente un contenzioso, tra operai e impresse e un mancato versamento ad Inps e Inail per adempimenti previdenziali e assicurativi”. Per la Fillea si tratta di “una paradossale condizione di illegalità determinata dal legislatore che favorisce il falso e di fatto ‘regolarizza’ il lavoro irregolare e grigio oltre a legittimare forme di illegalità e di concorrenza sleale tra le imprese”.  Condizione dunque che va rivista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento