La prima volta della Msc Grandiosa a Palermo, la nave da crociera green attracca al porto

La nuova ammiraglia, che può ospitare oltre 6.300 passeggeri, è un vero concentrato di tecnologia. Salperà ogni martedì alla volta delle perle del Mediterraneo Occidentale. Festa a bordo per celebrare l'arrivo in città

La Msc Grandiosa - Giuseppe Lentis

Attraccata per la prima volta nel porto di Palermo la Msc Grandiosa, nave da crociera tra le più avanzate al mondo dal punto di vista ambientale. Ogni martedì salperà alla volta delle perle del Mediterraneo Occidentale con un itinerario in partenza da Genova per poi toccare le città di Civitavecchia, Malta, Barcellona e Marsiglia durante la stagione invernale mentre, nella stagione estiva toccherà Napoli, Messina, Malta, Barcellona e Marsiglia. L’arrivo della nuova ammiraglia, consegnata all’armatore il 31 ottobre dai Chantiers de l’Atlantique e "battezzata" ad Amburgo lo scorso 9 novembre, consentirà alla compagnia crocieristica di compiere un ulteriore passo in avanti nel percorso che la porterà a diventare un’azienda a emissioni zero. Dal primo gennaio 2020 la compagnia, infatti, comperà tutte le emissioni di anidride carbonica generate dalla flotta attraverso progetti per l’ambiente di alta qualità basati sull’utilizzo dei blue carbon credits.

Per celebrare il primo attracco di Msc Grandiosa, che può ospitare oltre 6.300 passeggeri, questa mattina è stata organizzata a bordo della nave la tradizionale cerimonia del Maiden Call alla presenza di Luca Valentini, direttore commerciale di Msc Crociere, di Salvatore Lo Re, direttore generale di Msc Sicilia e delle principali istituzioni e autorità locali, militari e portuali. Tra gli altri, erano presenti l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Salvatore Cordaro, il presidente dell’Autorità di sistema portuale Pasqualino Monti, il comandante della Capitaneria di Porto l’ammiraglio Roberto Isidori, il comandante della polizia municipale Vincenzo Messina, il maggiore della Guardia di Finanza Francesco La Rosa, il capo dei piloti Sebastiano Bartolotta, il presidente degli ormeggiatori Giovanni D’Angelo, e Pietra Abbate dell’Agenzia delle Dogane che hanno scambiato il crest con il comandante Marco Massa.

“È una giornata importantissima per il porto di Palermo – ha dichiarato l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Salvatore Cordaro – , ospitare la nuova ammiraglia della flotta Msc è per noi motivo di grande orgoglio. Sono sicuro che la collaborazione con Msc Crociere contribuirà a valorizzare le numerose attrazioni turistiche e bellezze culturali offerte dalla città di Palermo e da tutta l’Isola”.

“Msc Crociere - ha aggiunto il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia occidentale Pasqualino Monti - consolida la sua presenza nello scalo di Palermo. L’Autorità di sistema portuale è ora fortemente impegnata ad adeguare le infrastrutture siciliane per ospitare queste meraviglie del mare”.

“Dopo Msc Seaview, è per noi un onore poter tornare a Palermo - ha sottolineato Luca Valentini, direttore commerciale Msc Crociere - per presentarvi la nostra nuova ammiraglia, la nave più green della nostra flotta e un vero concentrato di tecnologia. Nello scalo siciliano, durante la stagione 2020, Msc Crociere porterà 256 mila turisti a testimonianza della centralità rivestita dal porto palermitano, e dalla Sicilia intera, nelle strategie di crescita della compagnia. Nella stagione estiva la nuova ammiraglia porterà ad ogni sbarco nel capoluogo siciliano circa 6.000 turisti ogni settimana con una capacità di spesa medio-alta, pronti a scoprire le numerose bellezze del territorio”.

Le caratteristiche di Msc Grandiosa

Sotto il profilo della tecnologia ambientale presente a bordo, Msc Grandiosa è dotata di un sistema avanzato di riduzione catalitica selettiva (Scr) che, grazie ad una tecnologia di controllo attivo delle emissioni, contribuisce a ridurre le emissioni di ossido di azoto dell'80%. L'ossido di azoto proveniente dalle operazioni del motore viene infatti condotto attraverso un catalizzatore – cioè un dispositivo ad alta densità realizzato con metalli nobili – che lo converte poi in azoto e acqua, entrambi composti innocui. La nave sarà dotata inoltre di un sistema che consente l’elettrificazione da terra, utilizzabile durante l’ormeggio, collegando la nave alla rete elettrica locale del porto e consentendo così di azzerare le emissioni durante la sosta. Questa funzionalità è stata implementata su tutte le nuove
costruite da Msc Crociere a partire dal 2017. Queste nuove funzionalità si aggiungono ad altre efficaci tecnologie ambientali implementate sulla nave e in tutta la flotta aziendale per ridurre al minimo l'impatto ambientale, tra queste: sistemi ibridi di pulizia dei gas di scarico (Egcs) che rimuovono fino al 97% di ossido di zolfo dalle emissioni delle navi; avanzati sistemi di gestione e trattamento delle acque reflue; sistemi di trattamento delle acque di sentina; sistemi di ultima generazione per la prevenzione degli sversamenti di petrolio dalla sala macchine e ulteriori sistemi di efficientamento energetico tra cui sistemi all’avanguardia per il recupero del calore e l’illuminazione a Led.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento