Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia

Premio agorà, a Palermo la 34esima edizione della storica manifestazione

Ad anticipare la lunga premiazione, una tavola rotonda incentrata sulla crisi e sul rilancio della pubblicità nel periodo del Coronavirus

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si è svolta a Palermo la 34esima edizione del Premio Agorà, lo storico riconoscimento nazionale fondato dal Club Dirigenti Marketing che premia le migliori campagne pubblicitarie. La giornata di premiazione ha avuto luogo nelle eleganti sale di Villa Niscemi, sede di rappresentanza del Comune di Palermo, che ha concesso l’organizzazione dell’evento in presenza ma solo per uno stretto numero di invitati, nel rispetto delle norme anti Covid. Presenti alcuni dei delegati delle varie agenzie vincitrici che hanno ritirato il Premio, oltre agli storici membri del Club Dirigenti Marketing, fondatore dell’evento nel 1986. Ad anticipare la lunga premiazione, una tavola rotonda incentrata sulla crisi e sul rilancio della pubblicità nel periodo del Coronavirus.

“I dati del mercato della pubblicità hanno messo in luce una crescita del 25% degli investimenti pubblicitari rispetto al 2020, per cui nel 2021 si dovrebbe raggiungere una spesa di circa 10 miliardi in Italia, ovvero il 14% in più rispetto al 2019, periodo pre crisi. Numeri positivi dunque? Non proprio” ha detto il presidente del Premio Agorà Salvatore Limuti che ha condotto la tavola rotonda - Si è allargata infatti la base dei piccoli investitori con conseguente abbassamento della qualità della comunicazione pubblicitaria, cosa che finirà col rendere la pubblicità meno efficace”. “Inoltre - ha spiegato il presidente - c’è un appiattimento sui temi ecologici e biologici oltre che l’eccessivo peso dato alla politica dei prezzi. Fattori questi che producono un polverone mediatico capace di rendere meno distinguibile l’identità delle marche, producendo il così detto “effetto marmellata” che penalizza l’efficacia della pubblicità”.

Ad aprire i lavori il dott. Antonino Salerno, presidente del Club Dirigenti Marketing, seguito dal dott. Salvatore Limuti, presidente del premio Agorà con l’intervento intitolato “I dati della crisi e dello sviluppo”. La parola è passata poi al dott. Stefano Del Frate, direttore generale di UNA, e il dott. Alberto Gange dell’associazione UNA. Infine, i saluti di Cettina Martorana, Assessore alle attività economiche del Comune di Palermo. Venticinque i premi consegnati alle agenzie: 1 Agorà d’Oro, 6 Agorà d’Argento e 18 di Bronzo. L’Agorà d’Oro è stato assegnato dalla giuria nazionale - composta dai rappresentanti delle Associazioni di categoria, istituzioni e media patrocinanti e presieduta dal Presidente del Premio Salvatore Limuti - alla campagna sociale No Profit “Altromercato”. “Quest’edizione ha visto una diminuzione dell’aspetto creativo a vantaggio della componente razionale, che è un po’ il risultato di ciò che stiamo vivendo. In un mercato castigato dalla pandemia, siamo tutti portati a valorizzare la comunicazione etica e sociale ed ecco che si spiega il meritato Agorà d’Oro assegnato alla campagna di Altromercato tutta imperniata su questi valori”. La 34esima edizione ha visto concorrere 108 campagne pubblicitarie, 12 in più della scorsa edizione. In occasione dell’edizione attuale, il Club Dirigenti Marketing ha dato vita a una piattaforma digitale per gestire le votazioni delle singole campagne. Ciò ha permesso ai componenti della Commissione di incontrarsi virtualmente in videoconferenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio agorà, a Palermo la 34esima edizione della storica manifestazione

PalermoToday è in caricamento