Chiedono busta paga e la società li licenzia, avviati pignoramenti contro la cinese Z&H

L'azienda, che gestiva un centro commerciale a Bagheria, ha licenziato cinque lavoratori palermitani. Il tribunale l'ha condannata. Gli ex lavoratori hanno richiesto il pagamento di 15 mensilità ma la Z&H non ha mai pagato

Il centro commerciale Z&H a Bagheria

Avviati i pignoramenti contro la Z&H, società di imprenditori cinesi che gestiva un centro commerciale a Bagheria. L'azienda ha licenziato cinque palermitani solo perchè hanno "preteso" la busta paga. I lavoratori però hanno fatto ricorso e il tribunale di Termini Imerese, con diverse sentenze, nel 2017 ha condannato l'azienda a pagare le retribuzioni maturate e ordinato il reintegro. Al posto del reintegro, però, gli ex lavoratori hanno richiesto il pagamento di 15 mensilità. La Z&H non ha mai pagato. Da qui i ignoramenti contro la società. 

"Nel frattempo - spiega la Cgil in una nota - il centro commerciale di Bagheria ha cambiato denominazione: è sorta un’altra società, la Sunny s.r.l., che gestisce diversi punti vendita anche a Palermo all’interno di noti centri commerciali, la cui legale rappresentante è la moglie del legale rappresentante della Z&H s.r.l. e svolge la stessa attività utilizzando alcuni dipendenti che già lavoravano per la Z&H s.r.l. Alcuni lavoratori hanno avviato una causa per dimostrare la continuità d’impresa tra le due società e, inoltre, hanno più volte chiesto al Comune di Bagheria se la Sunny s.r.l fosse in regola con le autorizzazioni alla vendita. E' emerso che la Sunny s.r.l. per un lungo periodo di quasi otto mesi aveva esercitato la propria attività commerciale abusivamente, in assenza della prescritta autorizzazione amministrativa. Tanto che, con ordinanza del dicembre 2017, l’amministrazione di Bagheria ha disposto la chiusura del centro commerciale che ha poi riaperto dopo alcuni giorni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La battaglia che abbiamo condotto a fianco di questi lavoratori - dicono il segretario della Cgil Palermo, Enzo Campo, e l'avvocato Pietro Vizzini - è stata in primo luogo per la difesa del sacrosanto diritto a un lavoro equamente compensato e retribuito. Gli enti preposti ai controlli hanno il dovere di vigilare affinché siano garantiti i diritti principali del lavoratori e ciò al fine di evitare che nuove iniziative commerciali si trasformino in un fenomeno di dumping sociale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento