I panificatori non ci stanno: "Troppi abusivi, autorizzare vendita la domenica e nei festivi"

Concorrenza sleale e salute pubblica a rischio: sono i due aspetti su cui si concentra una lettera inviata al prefetto Giuseppe Forlani e agli assessori comunali per chiedere provvedimenti efficaci

Concorrenza sleale e salute pubblica a rischio la domenica e nei giorni festivi. Sono i due aspetti su cui si concentra una lettera che Assopanificatori di Confesercenti Palermo ha inviato al prefetto Giuseppe Forlani, all’assessore comunale alle Attività Produttive, Leopoldo Piampiano e all’assessore regionale alle Attività Produttive, Mimmo Turano, per chiedere provvedimenti efficaci e l'autorizzazione alla vendita del pane nei forni.

"Il perdurare del divieto della vendita al dettaglio dei prodotti da forno la domenica e nei  giorni festivi, imposto dalle disposizioni assunte dal Presidente della Regione - si legge nella lettera firmata dal presidente di Assopanificatori Antonino Buscemi e dal direttore di Confesercenti Palermo, Michele Sorbera - ha fatto riproporre con forza il fenomeno della panificazione abusiva e della vendita del pane lungo le strade cittadine. Un fenomeno allarmante, non tanto perché danneggia tutti i fornai che si attengono scrupolosamente alle normative vigenti  ma, soprattutto, perché i prodotti  vengono da forni clandestini, improvvisati, che panificano senza alcun controllo dal punto di vista igienico- sanitario.Quindi, se da un lato si ha concorrenza sleale ed evasione fiscale, dall’altro si mette a rischio la salute pubblica. Per tali ragione, chiediamo ogni azione possibile per contrastare tale fenomeno e che si intervenga presso il governo regionale, per autorizzare la  vendita del pane nei forni, almeno per mezza giornata, sia nei festivi che la domenica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento