Mercoledì, 29 Settembre 2021
Economia

"Palermo c'è" arriva all'Albergheria e allo Zen, consegnati a domicilio i primi 400 giocattoli

L’iniziativa destinata ai bambini palermitani meno fortunati ha preso il via e i giochi sono stati portati nelle sedi dell’associazione di promozione sociale "Le balate", attiva nel quartiere dell’Albergheria e del "Laboratorio Zen insieme"

Recapitato a domicilio un primo carico di sorrisi. L’iniziativa “Palermo c’è” destinata ai bambini palermitani meno fortunati ha preso il via con la consegna dei primi 400 giocattoli portati nelle sedi dell’associazione di promozione sociale "Le balate", attiva nel quartiere dell’Albergheria, e del "Laboratorio Zen insieme", che opera invece nel quartiere alla periferia nord della città. A distribuirli con un furgone è stato lo stesso Giulio Salamone, ideatore del progetto condiviso con la Caritas diocesana, supportato da due collaboratori. 

A stringere l’accordo con l’organismo pastorale, rappresentato per l’occasione da don Sergio Ciresi, le tre imprese palermitane Sara giocattoli (via Volturno 33/35), Giocheria Leopardi (via Giacomo Leopardi 55/67) e Weppe (via Volturno 27). I negozianti hanno deciso di regalare in prima battuta 1.200 giocattoli (400 quelli già consegnati) in vista della “fase 2”, per la quale servirà il contributo di tutti palermitani con l'obiettivo di regalare un momento di spensieratezza ai bambini di Palermo. 

Fino al prossimo 30 giugno infatti ciascuno di noi potrà acquistare un giocattolo in uno dei tre punti vendita e i negozianti, per ogni prodotto comprato con fnalità benefca, ne regaleranno un secondo di pari valore. Per la prossima settimana è prevista una nuova consegna di centinaia di giocattoli, in attesa di tracciare un bilancio dell’iniziativa, chiudere la raccolta ed effettuare la consegna finale. Le altre parrocchie coinvolte ad oggi nell’iniziativa sono quelle di San Giovanni Apostolo, San Gaetano e Madonna di Lourdes, ma l'elenco potrebbe presto allungarsi.  

I pacchi consegnati ieri sono stati affidati a Giuseppe Federico, volontario dell’associazione “Le balate”, e Maria Carmen Fasolo, referente per i programmi educativi del “Laboratorio Zen insieme”. “Per i nostri bambini - dice Maria Carmen Fasolo - è assolutamente fondamentale, dopo questi mesi di lockdown, potersi dedicare alle attività ludico-ricreativo. E’ importante in questa fase garantire il diritto al gioco. Questi doni permetteranno loro di riscoprire la bellezza del gioco e, quando sarà possibile, di tornare a poterli condividere con compagni e compagne”. Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a info@saragiocattoli.it o consultare il sito web: https://www.mistrapiace.com/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Palermo c'è" arriva all'Albergheria e allo Zen, consegnati a domicilio i primi 400 giocattoli

PalermoToday è in caricamento