Negozi chiusi la domenica: "Sì ai controlli, non al far west"

Sulla vicenda intervengono le associazioni di categoria palermitane. Di Dio (Confcommercio): "Mai stati d’accordo con la deregulation disposta dal governo Monti". Attinasi (Confesercenti): "Verificare la reale utilità delle aperture domenicali". I sindacati: "Evitare errori del passato"

"Non siamo mai stati d’accordo con la completa deregulation, disposta otto anni fa dal governo Monti, che non ha dato effetti particolarmente positivi né sui consumi, né sull'occupazione, né tanto meno ha generato maggiore concorrenza”. Lo afferma la presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio, in merito al dibattito che si è aperto sulla apertura dei negozi nelle domeniche e nei festivi.

Secondo Di Dio “Con la deregulation si innesca di fatto una disparità a favore dei grandi centri commerciali e della grande distribuzione che, disponendo di un numero maggiore di dipendenti, possono utilizzare la turnazione del personale, a scapito della piccola distribuzione che di solito può contare soltanto sul titolare e pochi addetti, con la conseguenza di non poter garantire l’apertura tutti i giorni dell’anno”.

Di Maio: "Entro 2018 stop alle aperture domenicali"

Patrizia Di Dio-3-2“Siamo convinti – aggiunge Patrizia Di Dio - che nella formulazione delle nuove proposte che il governo farà sia necessario tenere insieme le esigenze di imprese, lavoratori e consumatori e soprattutto da parte nostra suggeriamo di blindare alcune date festive in cui si debba tenere chiuso per rispettare le principali festività civili e religiose e per evitare che i negozi siano comunque aperti 365 giorni all’anno. Siamo convinti che sia fondamentale il dialogo e l’ascolto reciproci anche per evitare gli errori del passato con l'obiettivo di tenere insieme le esigenze di servizio dei consumatori, la libertà delle scelte imprenditoriali e la giusta tutela della qualità di vita di chi opera nel mondo della distribuzione commerciale. Le soluzioni dovranno tenere anche degli acquisti on line, che offrono la possibilità di comprare sul web tutti i giorni dell’anno e in tutte le ore del giorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uiltucs Sicilia: "Evitare gli errori del passato"

Mario Attinasi 4-2Contro la “liberalizzazione selvaggia" anche Confesercenti. "Non possiamo che essere favorevoli a norme più stringenti sulle domeniche che siano più rispettose delle piccole e medie attività”, dice il presidente di Confesercenti Palermo, Mario Attinasi. "Il far west di questi anni non ha portato a niente, se non alla mortificazione di imprenditori e dipendenti - continua Attinasi -. A trarne vantaggio è stata solo la grande distribuzione, nessun vantaggio per i consumatori. Siamo invece favorevoli a norme condivise che tengano in giusta considerazione le esigenze delle città turistiche e che consentano, caso per caso, di verificare la reale utilità delle aperture domenicali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, frenata dei contagi in Sicilia: +91 rispetto a ieri, salgono a 13 i morti

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento