rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Economia

Un'associazione per rappresentare l'imprenditoria straniera della provincia: nasce Confintegra 

L’atto costitutivo è stato firmato nella sede palermitana di Confcommercio. Il presidente è il cinese Han Guangrong, 45 anni: "Un ulteriore tassello che dimostra la nostra volontà di una completa integrazione sul territorio ma anche la disponibilità a contribuire fattivamente al coinvolgimento di tutte le comunità"

Un'associazione che rappresenta l'imprenditoria straniera della provincia. Confcommercio Palermo dà vita a Confintegra. L’atto costitutivo è stato firmato nella sede palermitana della Confederazione generale italiana delle imprese alla presenza del presidente Patrizia Di Dio. Il presidente di Confintegra è l’imprenditore cinese Han Guangrong, 45 anni, già presidente dell’associazione Cinesi d’Oltremare di Palermo, con sede in via Lincoln, una comunità che conta circa 3 mila cinesi residenti a Palermo e provincia, circa 400 attività commerciali operanti soprattutto nei settori del commercio e della ristorazione e che dà lavoro a quasi mille persone, 300 delle quali palermitane.

“L’idea era nata già un paio d’anni fa ma la pandemia -  racconta Guangrong - ha rallentato il progetto. L’obiettivo è quello di sviluppare sinergie utili e in Confcommercio Palermo abbiamo trovato quel supporto che cercavamo e che sarà prezioso per la nostra crescita imprenditoriale. È un ulteriore tassello che dimostra non soltanto la nostra volontà di una completa integrazione sul territorio ma anche la disponibilità a contribuire fattivamente al coinvolgimento di tutte le comunità straniere presenti in città e con cui c’è già un dialogo avviato. Grazie anche alla recente visita del presidente Xi Jinping c’è sempre più attenzione alla realtà palermitana e molti connazionali che vivono nel Nord Italia stanno già valutando la possibilità di nuovi investimenti al Sud”.

Si tratta di una iniziativa assolutamente innovativa nel panorama delle associazioni datoriali di categoria, fortemente voluta dal presidente Patrizia Di Dio per intercettare una domanda sempre più rilevante. In Sicilia, infatti, sono presenti circa 30 mila imprese guidate da stranieri. Nello specifico, secondo l’ultimo censimento, a Palermo risiedono oltre 25 mila stranieri in rappresentanza di 132 paesi, con una forte rappresentanza di cittadini di Bangladesh, Sri Lanka, Romania, Ghana, Filippine, Cina, Marocco e Albania. 

Nelle prossime settimane Confintegra conta di associare almeno 300 imprese a conduzione straniera a cui Confcommercio Palermo offrirà assistenza e consulenza in materia di contratti di lavoro, assistenza tecnica in campo legale, fiscale, finanziaria, amministrativa e contabile. L’assistenza riguarderà anche la formazione e l’aggiornamento professionale, l’innovazione tecnologica e organizzativa, l’accesso ai finanziamenti anche comunitari, le informazioni relative alle legislazioni di settore, la promozione e lo sviluppo del commercio elettronico e la sicurezza sul lavoro.

“Una completa integrazione - spiega Patrizia Di Dio - passa anche dall’inserimento nel tessuto economico della città innanzitutto nel rispetto delle regole. Ci sono parecchie realtà rilevanti, imprenditori disposti a investire, che desiderano mettere radici in città e che ci chiedono sostegno e accompagnamento in questo percorso di sviluppo, che è pure un modo per dire indirettamente 'no' a fenomeni come abusivismo, degrado ed illegalità diffusa a cui spesso assistiamo e che non rispecchiano il modello di città, di decoro e di bellezza che auspichiamo. Le attività commerciali di molti extra comunitari, oltre a produrre reddito e opportunità di lavoro, hanno contribuito alla rivitalizzazione di zone della città e della periferia che erano avviate verso un processo di desertificazione acuito oltretutto dalla grave crisi del commercio di questi anni. Da Palermo parte un segnale innovativo che sono certa non resterà isolato: è una risposta concreta anche al tema dell’accoglienza e dell'integrazione tra popoli che nel tempo servirà ad attrarre nuovi investimenti e a favorire anche uno sviluppo turistico e di immagine”.

"La nascita di Confintegra - commenta il sindaco Leoluca Orlando - rappresenta un'ottima notizia per il tessuto economico della nostra città che fa dell'integrazione uno dei suoi elementi fondanti. Si tratta di un'iniziativa lodevole a tutela delle migliaia di imprese straniere presenti a Palermo. Per questo ringrazio Confcommercio e colgo l'occasione per augurare buon lavoro al presidente Han Guangrong".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'associazione per rappresentare l'imprenditoria straniera della provincia: nasce Confintegra 

PalermoToday è in caricamento