Economia

Motorizzazioni, fumata nera dopo incontro con assessore: annunciata protesta

"Carenza di personale e attrezzature": i sindacati hanno incontrato l'assessore regionale: "Risposte non soddisfano i lavoratori, gravi disagi restano, in piazza il 5 giugno"

Non sono arrivate risposte concrete dal governo regionale sui disagi dei circa 430 dipendenti delle Motorizzazioni siciliane. Così i sindacati autonomi Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna hanno invitato i lavoratori a partecipare al sit in del 5 giugno e a manifestare in attesa di redigere un documento con delle proposte da attuare.

Gli autonomi apprezzano comunque la buona volontà mostrata dall’assessore Marco Falcone e dal dirigente generale, ai quali hanno illustrato i problemi del settore. I dipendenti lamentano gravi disagi a causa della carenza di personale che li costringe a un super lavoro anche se l’attività viene comunque portata avanti con abnegazione e spirito di sacrificio. Tra gli altri problemi la carenza di formazione e attrezzature adeguate e la mancata istituzione profili professionali. Gli autonomi hanno chiesto quindi di prevedere a livello legislativo la destinazione di una percentuale delle somme introitate alla funzionalità complessa degli uffici e di dare le direttive per l’istituzione dei profili.

L’assessore ha assicurato il suo interessamento ma ha solo comunicato la costituzione dell’Aran per i rinnovi contrattuali. Il dirigente invece ha comunicato che emanerà una direttiva che, con i dovuti paletti, dovrebbe incidere positivamente sull’uso del personale di categoria B secondo quanto possibile dalle circolari ministeriali. Risposte che non hanno soddisfatto i lavoratori che manifesteranno il prossimo 5 giugno a Palermo e Catania.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Motorizzazioni, fumata nera dopo incontro con assessore: annunciata protesta

PalermoToday è in caricamento