rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Economia

La mappa del mercato immobiliare a Palermo: compravendite in crescita del 12%

E' la fotografia scattata dal report a cura dell’Ufficio Studi Gabetti relativa al primo semestre dell'anno

Compravendite in crescita del 12% e prezzi stabili. E' la fotografia scattata dal report a cura dell’Ufficio Studi Gabetti sul mercato immobiliare a Palermo. Nel primo semestre del 2022, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, la città ha registrato 3.473 transazioni con una variazione del +12% rispetto allo stesso semestre del 2021. Secondo quanto emerge dalle rilevazioni inoltre le quotazioni registrano un leggero incremento (+0,5%). Le tempistiche medie di vendita sono state intorno ai 4 mesi e gli sconti in sede di chiusura delle trattative si aggirano sul 13%, con una forte variabilità a seconda del rapporto qualità/prezzo delle specifiche soluzioni immobiliari.

Il panorama immobiliare palermitano

Il network Gabetti sta riscontrando un andamento positivo per di Palermo: infatti, dopo l’inevitabile rallentamento dovuto alla pandemia, le compravendite residenziali stanno tornando a crescere, il che testimonia come il periodo di “stallo” sia stata la naturale conseguenza di un evento straordinario, e non di un calo nella propensione all’acquisto della casa tra i palermitani.

Questo, che si afferma soprattutto nelle zone centrali, è dovuto a diversi trend: la pedonalizzazione del centro storico, voluta dall’amministrazione comunale nel 2012, che sta migliorando l’attrattività della zona; la ripresa del turismo e la tendenza ad acquistare immobili a reddito per gli affitti brevi; il ritorno degli studenti che, se hanno la possibilità di accedere al credito, prediligono l’acquisto di immobili di ampie metrature, da condividere con altri studenti, piuttosto che l’affitto.

Altra caratteristica rilevata per la città di Palermo, dovuta anche in parte alla ripartenza del turismo e alla forte domanda di immobili da collocare a reddito, è l’offerta di residenze molto ridotta. Gli affiliati del gruppo Gabetti stimano infatti che, nelle zone della città più centrali o meglio connesse, la domanda sia circa doppia rispetto all’effettiva offerta e che, quando un immobile viene messo sul mercato, i tempi di vendita siano inferiori ai 90 giorni.

Per questo motivo, il 2022 ha visto una lieve risalita dei prezzi, destinata ad aumentare se il trend positivo, iniziato nel 2021, dovesse confermarsi.

Centro storico

Entrando nel dettaglio delle macro zone, nel centro storico siamo intorno ai 1.640 euro al mq per il signorile ristrutturato, mentre per le soluzioni medie e signorili in buono stato siamo tra i 1.150 e i 1.400 euro al mq. Qui si registrano anche i top price per quanto riguarda il segmento del pregio: per un signorile ristrutturato si spendono in media 2.150 euro al mq.

In zona centro storico-Kalsa le quotazioni per immobili signorili in buone condizioni si attestano sui 1.460 euro al mq, mentre siamo a 1.130 euro al mq per l’usato medio in buono stato. In zona Ballarò-Albergheria si riscontrano valori sui 1.000 euro al mq per il medio in buono stato.

Zona centrale

Il centro della città mantiene il suo appeal per il target medio alto; i top price si registrano in zona Politeama, dove per un signorile ristrutturato le quotazioni sono intorno ai 2.570 euro al mq. Le soluzioni signorili in buono stato hanno valori che si attestano sui 2.250 euro al mq. L’usato medio in buono stato è invece intorno ai 2.005 euro al mq.

Le agenzie del gruppo Gabetti di Palermo  evidenziano come, nel primo semestre del 2022, a fronte di un aumento della domanda, si riscontri una difficoltà nel reperire immobili. Il target medio di chi cerca casa è composto da famiglie, in cerca di trilocali intorno ai 100 metri quadri, o professionisti che preferiscono invece i bilocali. Il budget medio è sempre inferiore ai 250.000 euro per immobili ristrutturati con spazi esterni o case indipendenti (sempre dotate di giardino o terrazza). Nel 2022, vista la diminuzione di immobili sul mercato, i tempi medi di vendita si sono accorciati, arrivando a una media di 90 giorni; anche gli sconti sono scesi, attestandosi intorno al 5%.

Quotazioni leggermente inferiori, ma sempre piuttosto alte, in zona Libertà – Croci e Terrasanta – Cusmano, dove il signorile in buono stato è rispettivamente sui 2.050 euro e 1.660 euro al mq.

Fascia semicentrale e prima periferia 

Mantengono un certo appeal anche le zone Libertà–Villabianca, Don Bosco, Matteotti, Magnolie e Strasburgo con quotazioni, per immobili signorili in buone condizioni, che variano dai 1.640 ai 2.230 euro al mq.

Le zone Paternò–Palagonia e Leonardo da Vinci–Campolo presentano valori molti simili: siamo intorno ai 1.550-1.650 euro al mq per soluzioni medie in buone condizioni.

Prezzi inferiori verso le zone Duca della Verdura, Michelangelo–Uditore e Leonardo da Vinci Alta. Per immobili medi in buono stato i valori variano dai 1.250 ai 1.550 euro al mq. In zona Noce–Parisio e in zona Zisa siamo intorno ai 975-1.200 euro al mq per immobili medi in buono stato e sui 1.200-1.400 euro al mq per le soluzioni ristrutturate.

Valori simili nelle zone Calatafimi–Indipendenza, Calatafimi Bassa–Villatasca, Università, Civico, Montegrappa–Civico, Policlinico–Oreto Vecchia e Villa a Mare–Foro Italico–Villa Giulia–Orto Botanico dove l’usato in buono stato è su prezzi che variano dai 900 ai 1.400 euro al mq.

Gli affiliati delle agenzie del gruppo Gabetti hanno visto una crescita delle compravendite della zona. Essendo un quartiere- ricco di servizi (4 ospedali, università, stazione centrale), si è tornato ad acquistare a scopo di  investimento: i tagli più richiesti sono i 4/5 vani, con budget medi che variano dai 70.000 ai 150.000 euro. Gli immobili con più appeal sono quelli con doppio servizio e ascensore (se piano alto). Le previsioni per il futuro sono molte buone: si prevede infatti un’ulteriore crescita delle compravendite.

Procedendo verso la fascia costiera meridionale si osservano quotazioni inferiori. Nelle zone Messina Marine–Bandita, Messina Marine–Romagnolo, Brancaccio, Stazione–Corso dei Mille, Oreto Nuova e Falsomiele per immobili usati in buone condizioni siamo intorno ai 900–1.150 euro al mq.

Quotazioni leggermente maggiori lungo la prima fascia costiera settentrionale. In zona Arenella per soluzioni signorili siamo tra i 1.200 e i 1.700 euro al mq a seconda dello stato manutentivo dell’immobile. Nelle zone Porto, Fiera – Cantieri e Montepellegrino i prezzi sono simili: siamo sui 1.360 -1.500 euro al mq per l’usato medio in buono stato. Nella zona di Borgo Vecchio, si registrano valori inferiori, con valori intorno ai 930 euro al mq per l’usato medio in buono stato, 1.150 euro al mq per le soluzioni già ristrutturate.

Fascia costiera nord

La fascia costiera settentrionale mantiene il suo appeal per il target medio alto. I top price si registrano in zona Mondello–Viale Venere e in Mondello–Valdesi dove siamo intorno ai 2.350 euro al mq per soluzioni signorili in ottimo stato. Segue Capo Gallo con valori che variano, a seconda dello stato manutentivo, dai 1.800 ai 2.200 euro al mq per immobili signorili. Quotazioni simili per Partanna–Mondello, Tommaso Natale e Sferracavallo–Barcarello con prezzi intorno ai 1.400 – 1.700 euro al mq per il signorile in buono stato.

Periferia

In zona Baida si hanno le quotazioni maggiori nell’ambito della periferia sud: siamo sui 2.000 euro al mq per immobili signorili in ottime condizioni. Segue Calatafimi Alta, che ha valori similari per l’usato medio in buono stato (1.400 euro al mq), Calatafimi - Pagliarelli (1.350 euro al mq), Michelangelo (1.200 euro al mq), Altarello – Boccadifalco e Perpignano Alta, rispettivamente a 1.250 e 1.150 euro al mq. Infine Villagrazia–Bonagia, Passo di Rigano e Borgo Nuovo registrano valori intorno ai 850 – 1.100 euro al mq.

Nella periferia nord, in zona Resuttana-San Lorenzo-Cardillo, siamo tra i 700 e i 1.150 euro al mq per le tipologie in buono stato, a seconda della classe dell’immobile, mentre in zona Pallavicino-Zen intorno ai 900 – 1.050 euro al mq.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mappa del mercato immobiliare a Palermo: compravendite in crescita del 12%

PalermoToday è in caricamento