Mercato del lavoro e ammortizzatori sociali

Elaborato lo scorso 17 gennaio un documento unitario che, oltre a ribadire che il contratto a tempo indeterminato deve tornare ad essere la forma normale di assunzione dei lavoratori, punta a semplificare il mercato del lavoro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si è aperto in questi giorni con il governo un confronto, che assume grande importanza per i lavoratori rappresentati da NIdiL.CGIL-CISL-UIL hanno elaborato lo scorso 17 gennaio un documento unitario che, oltre a ribadire che il contratto a tempo indeterminato deve tornare ad essere la forma normale di assunzione dei lavoratori, punta a semplificare il mercato del lavoro.

NIdiL CGIL, nel ritenere questo il percorso da attivare per tutelare al meglio giovani e precari, ritiene la proposta del "contratto unico" una finta semplificazione dal momento che i nuovi rapporti di lavoro, formalmente a tempo indeterminato, saranno comunque interrompibili con il licenziamento senza le tutele previste dall'art.18 dello Statuto dei Lavoratori; ciò creerebbe ulteriori disparità tra i giovani e gli altri lavoratori non riducendo di fatto la precarietà.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento