Gaio il calzolaio sbarca a Palermo: farà scuola ai 15 sciuscià

L'artigiano veronese è già all'opera per addestrare i suoi futuri colleghi con lucido e spazzola. Obiettivo: rispolverare un mestiere ormai scomparso dando nuove opportunità di lavoro

Nunzio Reina e Gaio il Calzolaio

A Palermo sbarca Gaio il calzolaio. Il lustrascarpe veronese, molto noto dalle sue parti, è già all'opera: è stato chiamato nel capoluogo siciliano per perfezionare il mestiere ai 15 sciuscià palermitani che nelle scorse settimane hanno superato le selezioni. Obiettivo: rispolverare un lavoro ormai scomparso dando nuove opportunità ai giovani.

Prima la conferenza stampa con il presidente del gruppo veneto Calzolaiduepuntozero e il numero uno di Confartigianato di Palermo, Nunzio Reina, poi la messa a punto del modello lustrascarpe. L'artigiano sarà addestratore di giovani con lucido e spazzola. Il ciabattino è stato inviato a Palermo per insegnare il mestiere che era stato pure di un giovanissimo Ciccio Ingrassia, proprio a Palermo.

Figlio d’arte - il papà era calzolaio - "Gaio" fa lo sciuscià dalla metà degli anni Ottanta, quando era ancora un ragazzino. I 15 futuri sciuscià palermitani - si tratta di 12 uomini e 3 donne -saranno "istruiti" con un corso gratuito. A contattarlo è stato proprio Nunzio Reina, convinto che Michele Massaro (il vero nome di Gaio), 52 anni, abbia molto da insegnare ai suoi futuri colleghi. L'obiettivo è creare dieci postazioni nei punti nevralgici della città per far rivivere un mestiere ormai scomparso. Fra un paio di settimane, "Gaio", tornerà a Palermo per confezionare il lavoro in strada. L’iniziativa - che ha avuto largo eco in Italia - è pronta a decollare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per vedere i nuovi lustrascarpe in strada bisognerà attendere i primi giorni di maggio. Verrà chiesta al Comune l'autorizzazione per collocare le varie postazioni, previste sotto i portici di via Ruggero Settimo, in via Libertà, piazza Castelnuovo, via Emerico Amari, piazza San Domenico, piazza Borsa, piazza Verdi, via Maqueda, corso Vittorio Emanuele e stazione centrale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento