rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

Ex pip, Uiltucs: "Si avvii la stabilizzazione o sarà protesta"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Nonostante i numerosi impegni del governo regionale, registriamo un totale disinteresse sulla questione della stabilizzazione dei lavoratori del bacino Emergenza Palermo, gli ex Pip. In assenza di azioni che esprimano la concreta volontà a cercare soluzioni, i lavoratori sono già pronti a scendere in piazza a oltranza e bloccare i servizi svolti presso ospedali, scuole, assessorati”. Lo dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia. 

"Oggi - prosegue - in quinta commissione all’Ars si è svolta l’audizione richiesta dai sindacati per affrontare le questioni relative al bacino Emergenza Palermo con particolare attenzione a quanto previsto dalla legge regionale sul processo di stabilizzazione di questi lavoratori. Abbiamo chiesto al presidente Marcello Greco di convocare in tempi brevissimi un tavolo alla presenza del governo regionale, degli assessori al Bilancio, al Lavoro e agli Enti locali  per poter partire, in tempi brevissimi, con l’insediamento di una commissione che possa portare avanti il progetto di stabilizzazione del bacino”.

Flauto spiega che “i lavoratori sono già pronti a scendere in piazza ad oltranza, tutti insieme senza garantire i servizi che oggi svolgono e che sono essenziali. Ricordiamo per fare qualche esempio che questi lavoratori prestano attività presso gli ospedali, presso il tribunale, assessorati, scuole. La loro presenza è sicuramente necessaria per garantire determinati servizi alla cittadinanza. Il presidente Greco si è reso anche questa volta disponibile a convocare un tavolo politico, oltre che tecnico, in tempi brevi alla presenza di tutti i soggetti interessati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex pip, Uiltucs: "Si avvii la stabilizzazione o sarà protesta"

PalermoToday è in caricamento