Spaccio Alimentare, incubo finito per i lavoratori: contratto firmato col Gruppo Arena

Ad annunciare la notizia è Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia: il prossimo 28 settembre il Gruppo Arena, a sua volta, perfezionerà la cessione di ramo di azienda con Distribuzione Cambria

Si conclude l'incubo che ha coinvolto per mesi i 116 lavoratori siciliani di Spaccio Alimentare: transiteranno a Sviluppo Arena che, a sua volta, il prossimo 28 settembre, perfezionerà la cessione di ramo di azienda con Distribuzione Cambria. A darne notizia è Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Sicilia: "Oggi, i lavoratori di Palermo hanno firmato i contratti. Domani, invece, sarà il turno di quelli di Messina e Catania".

La cessione al Gruppo Arena, annunciata a metà luglio, aveva fatto tirare un sospiro di sollievo ai lavoratori che da oggi possono definitivamente dormire sonni tranquilli.

Resta irrisolta la situazione dei 76 lavoratori del Centro Commerciale I Papiri di Siracusa e dei circa 40 lavoratori del Centro Sicilia di Catania rimasti esclusi dalla cessione di ramo al gruppo Arena: "Siamo fortemente preoccupati per il futuro di questi lavoratori che stanno per terminare il periodo degli ammortizzatori sociali e vedono avvicinarsi, sempre, più lo spettro del licenziamento. I lavoratori non saranno lasciati soli. Richiederemo un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico e metteremo in campo ogni azione che possa tutelarli".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento