rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia

Salamone e Pullara, Max Living, Li Vorsi: esplode la rabbia di 3 mila palermitani

I lavoratori in attesa del pagamento degli ammortizzatori in deroga per il 2015 e 2016 sono tornati per strada con un presidio in via Cavour. Si va verso un nuovo accordo sullo strumento di sostegno al reddito

Un nuovo accordo-quadro sugli ammortizzatori sociali, da stipulare a un tavolo tra assessorato al Lavoro, Inps e sindacati, per superare l'esistente fermo al 2013 e aggiornare la quantità di risorse. E' questo l'impegno preso in Prefettura a conclusione del sit-in. Oggi i lavoratori in attesa del pagamento degli ammortizzatori in deroga per il 2015 e 2016 sono tornati per strada, con un presidio in via Cavour, per reclamare lo strumento di sostegno al reddito.

Sono circa 3 mila i lavoratori tra Palermo e provincia che attendono lo sblocco dei decreti, principalmente del settore del commercio, dell'edilizia, del settore metalmeccanico e di quello agricolo. Tra gli altri, al sit-in erano presenti i lavoratori licenziati, di attività fallite o poste in liquidazione come Salamone e Pullara, il Bar Mazzara, la Federico Musei, Max Living, Migliore, Li Vorsi, Fiorentino, President Hotel, Effedì, che ha licenziato 140 lavoratori, Palitalia a Carini, che ha licenziato 90 lavoratori ai quali è scaduta la mobilità, Keller, Oro e Argento, Stancampiano, Telecom srl, la ditta Demainox di Alcamo, Indotto Fincantieri, con 600 lavoratori senza più ammortizzatori sociali.

La seconda iniziativa di protesta di Cgil Cisl e Uil Palermo nel giro di una settimana, organizzato davanti alla Prefettura per chiedere al prefetto un intervento, dopo il mancato confronto con l’assessorato regionale al Lavoro e alle Politiche sociali, ripetutamente sollecitato dai sindacati.  Al capo di gabinetto del Prefetto, che ha ricevuto una delegazione di rappresentanti delle categorie, è stato chiesto un intervento per trovare soluzioni rapide per dare risposte ai lavoratori e dalle loro famiglie, che si trovano in forte condizione di disagio economico e sociale. “I lavoratori sono al limite della sopportazione, adesso è importante che tutti gli attori si mettano assieme per stipulare un nuovo accordo quadro sulla materia - dicono i responsabili del Mercato del Lavoro per Cgil, Cisl e Uil Palermo Alessia Gatto, Daniela Di Girolamo e GiannI Borrelli –. La Prefettura si è presa carico della situazione e farà quanto in suo potere per rimuovere ostacoli e ritardi. Avremo notizie la prossima settimana”.

I sindacati oltre al reperimento delle risorse per pagare gli ammortizzatori sociali del 2015 e del 2016 chiedono l'attivazione delle politiche attive per il lavoro. “Rispetto a una disponibilità di 200 milioni di euro per il 2014 oggi il fabbisogno degli ammortizzatori è aumentato e a disposizione ci sarebbero solo 20 milioni, insufficienti a dare risposte a migliaia di disoccupati. Oltre agli ammortizzatori sociali – continuano Gatto, Di Girolamo e Borrelli – chiediamo anche le politiche attive per il lavoro che consentono alle persone rimaste fuori dal mercato del lavoro di fare corsi di formazione per riqualificarsi”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salamone e Pullara, Max Living, Li Vorsi: esplode la rabbia di 3 mila palermitani

PalermoToday è in caricamento