Mercoledì, 16 Giugno 2021
Economia

Keller, svolta nella vertenza dopo 30 anni: 62 ex lavoratori assorbiti da Rfi

Diventa operativo l'accordo firmato tra la presidenza della Regione, l'assessorato regionale alle Infrastrutture e l'azienda ferroviaria già nel 2015. Restano fuori (per il momento) altri 40 operai dell'azienda di carrozze ferroviarie

I lavoratori della Keller di Carini saranno assunti da Rete ferroviaria italiana (Rfi). Diventa operativo l'accordo firmato tra la presidenza della Regione, l'assessorato regionale alle Infrastrutture e l'azienda ferroviaria già nel 2015 che prevedeva il passaggio di un centinaio di lavoratori a Trenitalia e Rfi. I primi 62 operai entreranno in servizio ad aprile e si occuperanno della manutenzione nel polo ferroviario di Carini (55) edi quello di Messina (7). L'assunzione è arrivata tramite la partecipazione ad un bando pubblico dove avevano una corsia preferenziale. "Nel bando dello scorso novembre - spiega l'assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone a PalermoToday - erano richiesti dei requisiti che loro avevano". Restano fuori (per il momento) altri 40 ex lavoratori dell'azienda di carrozze ferroviarie.

"Siamo felice che l'impegno preso - continua Falcone - sia stato rispettato. Domani parteciperò a un incontro con l'amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile e la ditta Toto e potrebbero emergere sviluppi positivi anche per i lavoratori al momento rimasti fuori dall'accordo". L'impresa Toto, infatti, si dovrebbe occupare di realizzare la tratta ferrioviaria Ogliastrillo, Cefaù, Castelbuono ferma dal 2014. "Se i lavori ripartiranno - conclude l'assessore - potremmo impiegare lì gli operai ex Keller e anche i lavoratori Sis".

Si va dunque verso la conclusione di una crisi che va avanti dal lontano 1990: dopo anni di cassa integrazione e mobilità, nel 2015 la Corte d'appello del tribunale di Cagliari, sezione civile, ha emesso il verdetto che ha sancito il fallimento dell'azienda della Keller, con stabilimento primario a Villacidro, in Sardegna, e secondario a Carini, in Sicilia. Circa duecento i lavoratori dello stabilimento del Palermitano rimasti senza occupazione. Ventiquattro di loro furono poi assunti da Trenitalia (che avrebbe dovuto assumerne 39). Dieci mesi fa i sindacati lanciarono un appello al presidente della Regione Nello Musumeci affinchè facesse rispettare gli accordi. Oggi la svolta. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Keller, svolta nella vertenza dopo 30 anni: 62 ex lavoratori assorbiti da Rfi

PalermoToday è in caricamento