Stipendi in ritardo, lavoratori Amat in stato di agitazione

A proclamarlo sono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl per protestare contro "il mancato pagamento degli stipendi di novembre"

Sono in stato di agitazione i lavoratori dell'Amat, l'azienda di trasporto pubblico urbano di Palermo. A proclamarlo sono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl per protestare contro "il mancato pagamento degli stipendi di novembre, come si evince dal comunicato di servizio dell'azienda che rinvia a data incerta la corresponsione delle paghe dei lavoratori" dicono le parti sociali che ritengono "inaccettabile questo rinvio a seguito delle motivazioni date dall'azienda, dalle quali emerge l'assoluta insensibilità delle istituzioni e dagli organismi preposti alla definizione delle procedure relative ai trasferimenti di legge non evasi in tempo utile a consentire la regolare liquidità aziendale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I lavoratori non possano essere lasciati soli e in balia del rimpallo di competenze fra la proprietà dell'azienda, il Comune di Palermo e la stessa azienda - dicono ancora i sindacati -. Tale è il balletto a cui i lavoratori stanno assistendo da parecchi mesi, a partire dalla data dell'obbligato piano di risanamento, che l'Amat ha dovuto redigere e che, nonostante l'approvazione del socio unico, non è stata ancora in grado di far decollare. Le incertezze economiche-finanziarie collegate al piano di risanamento stanno trovando preoccupanti conferme nella incapacità dell'azienda di garantire in tempi utili e certi l'esigenza primaria delle paghe dei lavoratori". Da qui la vertenza su tre punti: criticità del bilancio aziendale; il budget di esercizio aziendale e la rivisitazione del piano di risanamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento