Albanese: "I soldi e i permessi ci sono, perché non parte l'interporto di Termini Imerese?"

La nota del vicepresidente vicario di Sicindustria: "Che fine ha fatto il progetto? In quale cassetto o scrivania ha perso la strada?”

Alessandro Albanese

“Dove si è nascosto l’interporto di Termini Imerese? Che fine ha fatto? In quale cassetto o scrivania ha perso la strada?”. Lo chiede il vicepresidente vicario di Sicindustria, Alessandro Albanese, che aggiunge: "Le imprese lo aspettano. I grandi gruppi ne avrebbero bisogno per fare base logistica in Sicilia occidentale. L’Unione Europea lo ha finanziato. Questa è una storia all’incontrario. Qui ci sono i soldi, 80 milioni. Ci sono i pareri, positivi. C’è perfino la VIA, Valutazione d’Impatto Ambientale. C’è tutto, insomma. Però i lavori non vengono appaltati. Eppure l’Interporto è un’opera strategica".

"In termini logistici - prosegue Albanese in una nota - l’interporto è quel complesso di strutture e collegamenti come magazzini, svincoli, binari ferroviari, che favoriscono lo stoccaggio, il deposito temporaneo e lo smistamento di merci. In termini economici: le imprese della Sicilia occidentale pagano ogni anno il 15% in più di costi per la logistica. E insieme con l’interporto c’è il sottopasso di Termini Imerese che dovrebbe mettere in collegamento la zona portuale con l’interporto. Un appalto da 7 milioni di euro. Anche qui: soldi già stanziati. Finanziamenti pronti. Autorizzazioni e permessi già concessi. Mancano solo i cantieri. Quella dell’interporto di Termini Imerese è una corsa ad ostacoli. Originariamente previsto nel Piano Generale Trasporti del 1986. Individuato dalla Legge Obiettivo del 2001.  Approvato dal CIPE nel 2009. Diventa un progetto e viene appaltato nel 2013. Aggiudicazione definitiva nel 2014 e poi revoca alla Tecnis nel 2017. Poi lo stop. Dal 2017 si aspetta il nuovo bando. Bisognerebbe realizzare i magazzini di smistamento, il binario ferroviario, i magazzini per la catena del freddo. La Sis, Società Interporti Siciliani è stazione appaltante. E la Sis è partecipata per il 89,7% dalla Regione, per il 10% dall’AST. Pertanto la scelta è solo politica.

“A Catania – fa notare ancora il vicepresidente vicario di Sicindustria - invece funziona già il Polo Logistico ed è in via di realizzazione il Polo Intermodale. A Catania. Fa discutere il silenzio del territorio. Si parla di Interporto di Termini soltanto in campagna elettorale. Non vorrei che tra Catania e Palermo ci fossero antagonismi e faziosità.  Il tempo del derby è già finito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento