Lunedì, 22 Luglio 2024
Attività produttive

Assoimpresa incontra l'assessore Forzinetti: "Tornino i grandi marchi in centro storico"

L'assessore: "Avviate le consultazioni con gli uffici e nei prossimi giorni avremo una riunione insieme all'assessore Carta, la dottoressa Valenti e gli uffici del territorio ambiente per definire alcuni aspetti amministrativi e proseguire l'iter"

Nell'ambito degli incontri periodici e istituzionali, Assoimpresa ha incontrato l’assessore comunale alle Attività Produttive, Giuliano Forzinetti.  Una riunione incentrata su alcuni temi di sviluppo economico e di visione della città di Palermo. Tra i punti più importanti sicuramente la modifica dell’articolo 5 del piano regolatore, che permetterebbe ai grandi marchi commerciali di potere avviare l'attività nei negozi con più di 200 metri quadri e così adeguare la direttiva europea, dopo dieci anni di ritardo anche nella città di Palermo. Come ha dichiarato lo stesso assessore Forzinetti "il Comune ha provveduto a trasmettere la documentazione necessaria inerente la variante al Prg dell'art. 5 delle norme tecniche di attuazione del Piano di Programmazione Urbanistica del settore commerciale ai fini dell'avvio della procedura di verifica di assoggettabilitá - dice Forzinetti -. Sono state avviate le consultazioni con gli uffici e nei prossimi giorni avremo una riunione insieme all'assessore Carta, la dottoressa Valenti e gli uffici del territorio ambiente per definire alcuni aspetti amministrativi e proseguire l'iter": 

"Le intenzioni dell'amministrazione comunale e dell'assessore Forzinetti sembrano sbloccare finalmente una situazione che inspiegabilmente è ferma da 10 anni e che consentirebbe di avviare un percorso di sviluppo economico e di riqualificazione urbana molto interessante – dichiara Mario Attinasi presidente di Assoimpresa - perché l'insediamento di grandi marchi commerciali potrebbero fare da volàno per altri marchi e altri negozi di una certa importanza e così dare luogo alla rivitalizzazione di alcune strade penalizzate dalla nascita dei centri commerciali prima, dalla Ztl e dal commercio on line dopo. In sostanza – sottolinea Attinasi - si tratterebbe di ridare una nuova identità commerciale in alcune strade che erano punto di riferimento commerciale per la città e la provincia di Palermo": 

Un altro punto su cui si è discusso  e del quale si parla da tempo è quello della regolamentazione della movida, un campo decisamente delicato per tanti aspetti. Se ne è parlato a lungo durante l’incontro avuto con l’assessore alle Attività Produttive Forzinetti : "Stiamo definendo alcuni confronti istituzionali con tutti gli attori interessati e contiamo di inoltrare entro una settimana il regolamento in consiglio comunale in modo da definire il più velocemente possibile l'iter amministrativo e se necessario intervenire attraverso degli emendamenti condivisi – ha detto Forzinetti - un cambio di passo notevole rispetto a quanto fatto dalla precedente amministrazione". Attinasi soddisfatto: "Assoimpresa su questo punto è dalla parte delle attività commerciali che rispettano le regole. Le nostre imprese nel settore dei pubblici esercizi hanno il diritto di fare impresa e allo stesso tempo devono garantire il diritto dei residenti ad una buona  vivibilità, ci vuole come in ogni cosa una buona dose di buon senso e di tolleranza, affinché si arrivi ad una soluzione più congeniale per tutti": 

Tra gli argomenti  della riunione un altro punto affrontato è stato quello relativo ad un “look” decisamente più elegante al centro storico di Palermo: "Insieme alla commissione attività produttive abbiamo elaborato un atto che va nella direzione – sottolinea Forzinetti - che auspicano tanti residenti e attività commerciali, per limitare l'apertura di bar, ristoranti e negozi di bassa gamma in base a quanto introdotto dalla legge Franceschini per tutelare i centri storici delle città d'arte".   

"I centri storici delle città d'arte devono assolutamente essere salvaguardati – conclude Attinasi – quello di Palermo è di straordinaria bellezza , con i suoi colori, i sapori, le diverse culture che si sono succedute nei secoli e delle quali si vedono bellissime testimonianze, delle contraddizioni e  della tolleranza . Basterebbe solamente dire che  il Centro storico  di Palermo è patrimonio dell'Unesco per introdurre le norme della Franceschini che permette alle amministrazioni comunali di potere tutelare i  propri centri storici, anche da  insediamenti commerciali di basso profilo ed adeguando gli standard qualitativi sulla base di una visione di città storica da proteggere e soprattutto da preservare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assoimpresa incontra l'assessore Forzinetti: "Tornino i grandi marchi in centro storico"
PalermoToday è in caricamento