“Mese dell’educazione finanziaria”: incontri gratuiti nel palazzo delle Poste in via Roma

I docenti incontrano i cittadini per migliorare le loro competenze in materia economico finanziaria. Le sessioni didattiche, della durata di 30 minuti, si svolgeranno da sabato 19 a martedì 22 ottobre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Poste Italiane porta il proprio contributo al “mese dell’Educazione Finanziaria” con un programma di incontri gratuiti nella prestigiosa sede del Palazzo storico di via Roma 320. Le sessioni didattiche, della durata di 30 minuti, si svolgeranno da sabato 19 a martedì 22 ottobre nell’Ufficio Postale di Palermo Centro, con l’obiettivo di contribuire a migliorare le competenze dei cittadini in materia economico-finanziaria e aumentarne la consapevolezza nelle scelte di risparmio, investimento e conoscenza dei nuovi strumenti finanziari nell’era digitale. 

Al centro degli interventi degli esperti finanziari di Poste Italiane le questioni di macroeconomia e finanza finalizzate a dare ai cittadini il giusto supporto nelle scelte di risparmio e investimento.
    
L’Azienda ha deciso di offrire il proprio contributo di competenzaall’interno delle strategie elaborate dal Comitato sull’educazione finanziaria istituito dal Mef, con l’obiettivo di promuovere iniziative utili ad aumentare tra la popolazione la conoscenza e le competenze finanziarie, assicurative e previdenziali e migliorare per tutti la capacità di fare scelte coerenti con i propri obiettivi e le proprie condizioni.

Il progetto, nel segno delle politiche di inclusione e sostenibilità, si muove quindi nel segno della tradizionale attenzione di Poste Italiane alle esigenze del cittadino e in coerenza con la sua storica vocazione di azienda socialmente responsabile che aderisce ai principi internazionali ESG, promossi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.

L’iniziativa è aperta a tutti e prende spunto dagli studi di molte istituzioni internazionali e nazionali che segnalano un deficit di conoscenza degli italiani nelle materie finanziarie rispetto ad altri Paesi europei.

Torna su
PalermoToday è in caricamento