Venerdì, 19 Luglio 2024
Economia Oreto-Stazione

La protesta: "I diritti degli studenti disabili e dei precari assistenti sempre sotto attacco"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Questa organizzazione sindacale che guida la lotta delle precarie e precari Assistenti igienico-personale specializzati verso gli studenti disabili delle scuole superiori di Palermo e provincia da anni ormai, incontrerà lunedì 8 maggio con una delegazione di precarie/i i rappresentanti della Città Metropolitana di Palermo in merito al servizio di assistenza.

Fermo restando che l'erogazione del servizio a Palermo e prov. continuativa dal mese di ottobre, seppur con più proroghe, non è stata affatto scontata e automatica ma è stata ancora frutto della costante e tenace pressione/lotta messa in atto in diverse forme dai precari Slai, che non hanno mai abbassato la guardia nel difendere il loro posto di lavoro, dopo averlo riconquistato con una dura lotta dallo scoppio dell'emergenza sanitaria Covid per cui si erano ritrovati buttati in strada dall'oggi al domani, siamo venuti alcuni giorni fa a conoscenza che la Città Metropolitana avrebbe prorogato il servizio fino al 18 maggio 2023 per gli studenti disabili in possesso di certificazione UVM e fino al termine delle lezioni (10 giugno) per gli studenti senza certificazione UVM.

Questa differenza delle proroghe, di cui i precari hanno saputo dalle Coop Sociali a cui è affidato in accreditamento il servizio, è stata subito denunciata dallo Slai Cobas sc come assolutamente inaccettabile e non legittima, discriminante e lesiva dei diritti degli studenti disabili trattati una parte come di serie B e una parte come di serie C, visto che per questi studenti i diritti in generale non sono mai garantiti appieno come prevedono invece le leggi vigenti considerate il più delle volte carta straccia, così per i precari Assistenti, anch'essi trattati diversamente con l'ennesimo rischio di innescare da parte dei palazzi del potere becere logiche di guerra tra poveri, ma questo è il normale andazzo istituzionale davanti a problemi sociali serissimi, se non peggio, per non parlare della preoccupazione delle famiglie degli studenti...

Ribadiamo innanzitutto che continuare a porre da parte della Regione Siciliana/Assessorato Politiche Sociali/Lavoro la certificazione UVM come paletto/requisito per erogare il servizio di assistenza igienico-personale specializzata è assolutamente illegale, così illegali sono tutti gli Enti intermedi a livello regionale che si attengono a questa indicazione illegittima, l'unico documento valido per l'erogazione di questi servizi di assistenza è il PEI, così come anche chiarito più volte dall'Ufficio Scolastico Regionale e su questo punto continueremo a lottare.

A seguito di nostre proteste e annunci di riscendere in piazza sembrerebbe che dopo alcuni giorni le Coop Sociali abbiano informato che la proroga del servizio sarebbe stata estesa per tutti gli studenti e di conseguenza per tutti i precari Assistenti fino al termine delle lezioni scolastiche, bene! per gli studenti disabili e i precari Assistenti se così sarà confermato all'incontro che abbiamo ottenuto domani 8 maggio al palazzo della Città Metropolitana, ma resta il fatto che solo l'avere annunciato inizialmente una proroga con termini diversi, da giustificare con ragioni di tipo economico, legate ai fondi che il reazionario governo regionale oggi con a capo Schifani, cambiare ma per non cambiare nulla, non destina per questo servizio in modo completo e preventivamente, è assolutamente vergognoso! Ma si sa bene! Per i palazzi del potere questi servizi pubblici che la legge definisce OBBLIGATORI ed ESSENZIALI sono invece dei pesi di cui liberars, e ci provano da anni, perchè i soldi si devono spendere per altro, per i veri interessi che chi ci governa ha in questa società al servizio del profitto dei padroni in primis e per gonfiare i propri privilegi di classe. E' chiaro che se la proroga del servizio non sarà confermata per tutti gli studenti fino al termine delle lezioni la lotta riprenderà subito in ogni forma. Ma in questo incontro di domani porteremo la denuncia e la lotta anche su altri punti problematici che ad oggi non hanno avuto alcune risposta concreta e risolutiva dal palazzo con tutti i suoi rappresentanti, a partire dal Sindaco Lagalla: Cosa si prevede per settembre 2023, per il nuovo anno scolastico? Come mai nelle scuole non sono arrivati i modelli per l'a.s. 2023/2024 per le famiglie per la richiesta del servizio di assistenza igienico-personale specializzato a differenza degli altri servizi? Continuano lesioni dei diritti contrattuali degli Assistenti da parte di alcune Coop Sociali e la Città Metropolitana che è l'organo vigilante come mai non è intervenuta fino ad oggi, nonostante le nostre diverse segnalazioni e denunce?

Permangono gravi lesioni di tipo discriminatorio di genere nei confronti di precarie storiche che non sono state mai assunte dalle Coop Sociali pur avendone il pieno diritto con aspetti non chiari e trasparenti sui criteri di assunzione Continuano da parte della Città Metropolitana azioni di trattamento differente rispetto ai regolamenti dei servizi di assistenza (autonomia, igienico ecc) che inevitabilmente provocano sterili guerre tra poveri... anche agli Assistenti igienico-personale specializzati devono essere fatte recuperare le ore in caso di ripetuta assenza dello studente disabile o in caso di assemblea di istituto ecc , così si deve dare copertura economica almeno nei primi due/tre giorni di assenza prolungata dello studente, anche gli Assistenti igienico-personale devono potere partecipare agli importanti GLO per portare il loro contributo professionale, agli studenti disabili non si deve precludere la possibilità di partecipare alle gite scolastiche anche quelle fuori il Comune di Palermo perchè non si dà gravemente, da parte della Città Metropolitana, copertura economica alle ore di servizio degli Assistenti oltre l'orario previsto di mattina ecc ecc TUTTI I SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALIZZATA HANNO PARI DIGNITA' SOCIALE e sia per gli studenti che per gli Asissitenti non ci devono essere trattamenti diversi e/o discriminazioni di ogni sorta.

E' chiaro, ed è bene che tutti i precari del settore finalmente lo capiscano senza continuare a illudersi inutilmente, che tutto questo rientra comunque pienamente nel piano dei governi, e oggi ancor di più con il nero governo Meloni a livello nazionale e i suoi corollari a livello regionale e comunale, di attaccare ancora più pesantemente i servizi pubblici, attacco che si unisce a quello verso la scuola pubblica, la sanità pubblica .... i soldi devono servire per ben altro, in primis per la guerra imperialista e per le spese militari Ma proprio per questo noi lavoratori, precari... non possiamo che continuare a lottare partendo certamente dalle condizioni reali e quotidiane di sfruttamento e attacco che ci scaricano sul posto di lavoro sempre da difendere, per inserire le vertenze/lotte che facciamo ogni giorno in una lotta più ampia contro un sistema che ci vuole sempre più sfruttati e attaccati nei diritti anche più basilari. Slai Cobas per il sindacato di classe Palermo/Sicilia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta: "I diritti degli studenti disabili e dei precari assistenti sempre sotto attacco"
PalermoToday è in caricamento