Airbnb, tremila gli host in città: nasce l'Home sharing Club Palermo

Obiettivo dell'associazione è creare momenti di confronto con gli amministratori locali, diffondere la cultura dell’home sharing e aiutare la città a sviluppare un turismo sostenibile e di qualità

Al centro, sotto il logo, con la giacca nera, il fondatore di Airbnb Joe Gebbia insieme alla community di host palermitana

A Palermo sono ben tremila gli "affitta casa" o host entrati nella rete di Airbnb, il portale online che mette in contatto persone in cerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi, con persone che dispongono di uno spazio extra da affittare. Per aiutarli a districarsi tra le pratiche burocratiche, creare momenti di confronto con gli amministratori locali, diffondere la cultura dell’home sharing e aiutare Palermo a sviluppare un turismo sostenibile e di qualità in città è nata un'organizzazione che li rappresenterà, l'Home sharing club.

Giovedì sera i membri del gruppo si sono riuniti in assemblea. Tra loro Giorgio Bruno, host a tempo pieno dopo oltre 20 anni passati a viaggiare per lavoro, da un hotel all’altro: “Siamo pronti a collaborare con il comune per un home sharing migliore. Vogliamo lavorare per creare momenti di confronto tra di noi e con i legislatori, anche partecipando ai tavoli di discussione. Partendo dal basso siamo fiduciosi di poter aiutare noi stessi e la città di Palermo a reagire in questo momento di crisi”.

Nel corso dell'incontro, che ha visto la partecipazione di rappresentanti dell’azienda e delle istituzioni locali, si è discusso della nuova disciplina sull’imposta di soggiorno e della possibilità di un accordo fra comune e piattaforma. La lista degli obiettivi che l'organizzazione si prefigge è molto più ampia e comprende la realizzazione di azioni in grado di migliorare i quartieri e la città nel suo complesso. 

""Negli ultimi 12 mesi i turisti - comunica Airbnb - che hanno visitato Palermo e che hanno scelto il portale per soggiornare in città sono stati 107 mila: non tantissimi rispetto agli arrivi totali, ma chi ha scelto l'home sharing a soggiornato più a lungo". Palermo è stata nominata Capitale italiana della Cultura 2018 e quest’anno ospiterà eventi importanti come Manifesta. Il numero dei visitatori è destinato quindi ad aumentare e gli host non vogliono farsi cogliere impreparati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

  • Coronavirus, in Sicilia 32 nuovi casi (più della Lombardia): 5 a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento