rotate-mobile
Vertenza

Giornale di Sicilia, i poligrafici: "Grave scelta avviare il licenziamento collettivo di oltre il 50% dei lavoratori"

"Dopo questo esito - si legge in una nota - auspichiamo di continuare il confronto in presenza delle istituzioni regionali con l'obiettivo di giungere ad una soluzione per tutelare le famiglie di questa storica azienda"

"Apprendiamo con grande rammarico, per canali che non sono quelli aziendali, che il Giornale di Sicilia sembrerebbe voglia continuare a percorrere la strada dei tagli non solo sui dipendenti (che sono già stati e saranno tanti), ma anche su quello che è il contenuto stesso del quotidiano; una delle testate storiche per l'Italia e per la regione stessa. Riteniamo che sia una scelta irresponsabile continuare a privare i lettori di pagine, contenuti e di edizioni anche se a livello economico, dal punto di vista aziendale, possa sembrare la scelta più semplice da percorrere". E' quanto si legge in un comunicato dei poligrafici del Giornale di Sicilia.

"Speriamo in una rianalisi da parte dell'editore su questa strategia che supponiamo possa solamente portare ad un aggravamento della crisi di questo giornale.  Giova bene ricordare che noi poligrafici, lavoratori della parte tecnica, amministrativa e produttiva di un quotidiano, non rappresentiamo l'ultima ruota del carro e da anni subiamo tagli di stipendi, ammortizzatori sociali e riduzione del personale che sempre con grande sacrificio abbiamo condiviso e accettato in nome di quell'azienda che per noi è stata ed è famiglia", continuano i poligrafici. 

"Gli strumenti a sostegno del reddito di cui ad oggi siamo recettori, sono arrivati al termine - si legge ancora nella nota - e grave risulta essere la decisione della proprietà di avviare procedura di licenziamento collettivo per oltre il 50% delle lavoratrici e dei lavoratori del Giornale di Sicilia. Così come da procedura, le organizzazioni sindacali entro 7 giorni dalla comunicazione d'avvio, si sono riuniti con la proprietà e dopo un'approfondita analisi delle criticità in cui versa il giornale e nonostante le proposte per addivenire a una soluzione a tutela dei lavoratori da parte del sindacato, l'esame congiunto si è concluso con esito negativo senza nessuna risoluzione a garanzia dell'occupazione".  

"Dopo questo esito - concludono i poligrafici - auspichiamo di continuare il confronto in presenza delle istituzioni regionali con l'obiettivo di giungere ad una soluzione per tutelare le famiglie di questa storica azienda e per garantire alla città di Palermo di continuare ad avere un quotidiano all'altezza di un capoluogo di regione che dia dignità a quei lavoratori che da anni hanno sempre, con spirito di responsabilità e passione, creato valore per la nostra regione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornale di Sicilia, i poligrafici: "Grave scelta avviare il licenziamento collettivo di oltre il 50% dei lavoratori"

PalermoToday è in caricamento