Sabato, 12 Giugno 2021
Economia

Fiat di Termini, prorogata la cig Operai "impacchettano" i cancelli

A dare comunicazione i sindacati al termine del vertice organizzato al ministero per lo Sviluppo economico. E dopo la trovata di marketing dell'azienda della scorsa settimana, gli operai rispondono "a tono": "Anche tu ci hai spezzato il cuore"

I cancelli "impacchettati dello stabilimento Fiat - foto Tommaso D'Ippolito

Approvata la cassa integrazione per altri sei mesi per gli operai Fiat di Termini Imerese. A darne comunicazione i sindacati impegnati al vertice romano presso il ministero dello Sviluppo economico. Nel frattempo, nella fabbrica del Lingotto, i lavoratori "rilanciano" l'operazione di marketing della Fiat, proposta pochi giorni fa, impacchettando i cancelli della fabbrica siciliana e affiggendo un cartello con scritto "Anche tu ci hai spezzato il cuore…".

La cassa integrazione in deroga darà copertura fino al prossimo 31 dicembre. Questo è quanto pattuito durante l'incontro romano tra rappresentati del governo, della Regione siciliana, dell'azienda e dei lavoratori. Al centro del dibattito anche nuove proposte per il rilancio industriale del sito. E durante il vertice i dipendenti siciliani in protesta hanno trovato il tempo di rispondere all'iniziativa pensata dai dirigenti del gruppo Fiat ed rivolta ai lavoratori "infedeli".

Questi ultimi, la scorsa settimana, si erano ritrovati le proprie auto straniere coperte con il cellophane ed un cartello a forma di cuore spezzato con su scritto: "Vederti con un'altra ci ha spezzato il cuore…ma nonostante ciò continuiamo a pensare a te". Il tutto per promuovere una tariffa scontata per i dipendenti del 26% per passare ad un'auto marchiata Fiat. Ed è per questo che i lavoratori siciliani, duecento secondo i sindacati, si sono radunati di fronte allo stabilimento di Termini Imerese, rispondendo "a tono" alla campagna di marketing dell'azienda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat di Termini, prorogata la cig Operai "impacchettano" i cancelli

PalermoToday è in caricamento