rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Economia Termini Imerese

Fiat di Termini, i sindacati chiedono garanzie su cig per indotto

Questa la richiesta al governo regionale durante la riunione a Palazzo d'Orleans con il capo della segreteria tecnica Stefano Polizzotto, alla quale ha partecipato anche il senatore del Pd Beppe Lumia

Garanzia sulla cassa integrazione in deroga per il 2013 in favore dei 350 operai delle sei aziende dell'indotto della Fiat e sulle scelte di politica industriale per il mantenimento dell'auto a Termini Imerese. E' quanto hanno chiesto i sindacati al governo regionale durante la riunione a Palazzo d'Orleans con il capo della segreteria tecnica Stefano Polizzotto, alla quale ha partecipato il senatore del Pd Beppe Lumia.

"Il governo si è impegnato a interloquire con il ministero del Lavoro sulla cig in deroga - dice il segretario della Fiom di Palermo Roberto Mastrosimone - In questo senso ci é stato assicurato che il presidente Crocetta dopodomani sarà a Roma". Quattro aziende su sei dell'indotto Fiat hanno avviato le procedure di licenziamento degli operai, il 21 dicembre scadono i termini per il personale della Lear, 160 operai. "Entro quella data - afferma Mastrosimone - dobbiamo avere certezze".

E al governatore i sindacati chiedono anche di sollecitare un incontro col ministero dello Sviluppo sul futuro industriale della fabbrica. "Per noi è fondamentale che si continui a puntare sull'auto", prosegue Mastrosimone. Una prima verifica sarà fatta venerdì a Palazzo d'Orleans in un nuovo vertice tra governo e sindacati, alla presenza di Crocetta. Fiom Fim e Uilm aspettano inoltre la pubblicazione del decreto sugli esodati, che riguarda 540 lavoratori della Fiat, e il cui via libera consentirà di attivare il secondo anno di cig per i lavoratori del Lingotto. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat di Termini, i sindacati chiedono garanzie su cig per indotto

PalermoToday è in caricamento