Federconsumatori Palermo: "Molte strutture non accettano i bonus vacanza"

Lillo Vizzini, il presidente della sezione locale: "E' un importante strumento di sostegno per le famiglie ma solo se venisse davvero accettato..."

In questi giorni stanno arrivando allo sportello di Federconsumatori Palermo molte segnalazioni di cittadini che lamentano il rifiuto da parte di molte strutture ad accettare i bonus vacanza. Istituiti dal Governo per agevolare le famiglie a fruire le ferie estive e per sostenere il settore del turismo in grande difficoltà a causa della pandemia. “Al di là delle polemiche degli operatori sulle modalità con cui è stato strutturato il bonus, lo riteniamo comunque un importante strumento di sostegno per le famiglie” dichiara Lillo Vizzini di Federconsumatori Palermo “solo se venisse davvero accettato”.

 “Anche se è a discrezione dell’operatore la scelta, se accettare o meno tale bonus, dall’altra la mancata applicazione dell’agevolazione presso un numero piuttosto elevato di strutture rischia di rendere vana l’iniziativa, accentuando i danni al comparto del turismo, settore chiave nell’economia del nostro Paese e, questa estate, in gravissima crisi” continua Vizzini.

Va ricordato che Il bonus è fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore, il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene fatturato il soggiorno. Il contributo arriva a un massimo di 500 euro, per nuclei familiari composti da almeno tre persone, 300 euro per due persone e 150 euro per single. In tutti i casi, i beneficiari devono avere un Isee inferiore a 40mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La beffa, denunciata da tant,i è che, dopo aver superato lo scoglio della farraginosa operazione di attivazione bonus e aver versato un acconto all’agenzia o al loro cral, si sono visti poi rifiutare il bonus dalla struttura. Per questo è necessario uno sforzo congiunto, Governo e Associazioni degli esercenti delle strutture ricettive, affinché il bonus vacanze diventi uno strumento strategico per rilanciare una agonizzante stagione turistica” conclude Vizzini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento