Edilizia, sindacati chiedono a Musumeci tavolo tecnico su futuro cementerie

Garantire livelli occupazionali e prevedere soluzioni di riconversione in caso di chiusura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Prevedere un piano di investimenti per riqualificare le cementerie siciliane, che versano in stato di trascuratezza e abbandono.  Lo chiedono i segretari regionali della Filca Cisl, Paolo D'Anca, di Feneal Uil, Francesco Di Martino, e di Fillea Cgil, Giovanni Pistorio, che hanno inviato oggi una nota congiunta al presidente della Regione, Nello Musumeci e agli assessori alle Attività Produttive e all'Ambiente, Mimmo Turano e Totò Corrado, per solleciatare un incontro urgente con Italcementi per fare il punto sulla situazione in cui versano le cementerie della Sicilia e soprattutto per definire soluzioni a tutela dei livelli occupazionali. 

"Non possiamo più perdere tempo - si legge in una nota- perché la società Italcementi ha ridotto gli investimenti per lo stabilimento di Isola delle Femmine. Chiediamo un più incisivo e complessivo  coinvolgimento per avere maggiori certezze sul futuro dello stabilimento, che potrebbe chiudere i battenti. Vorremmo sapere, in particolare, chi si farà carico della bonifica nel caso di chiusura , se ci sarà anche un coinvolgimento degli enti territoriali, e se l'area verrà riconvertita per altre lavorazioni. Chiediamo -aggiunge la nota- un impegno più qualificato e di prospettiva rispetto agli investimenti in programma per l’ultima cementeria che Italecenti possiede sul territorio siciliano, che è quella di Isola delle Femmine. È necessario che il presidente Musumeci e gli assessori competenti -conclude la nota-  si attivino al più presto per istituire un tavolo di confronto con le parti interessate per la ricerca di soluzioni strategiche condivise per tutelare e incrementare i livelli occupazionali".

Torna su
PalermoToday è in caricamento