Crisi economica, Confcommercio: "Usurai e sciacalli sempre più minaccia per le imprese"

Patrizia Di Dio, presidente della sezione locale, rilancia il tema della pressione criminale sugli imprenditori, anche alla luce dello studio diffuso oggi dal Centro Studi nazionale di Confcommercio

“La politica regionale e quella nazionale agiscano con senso di responsabilità dando alle imprese quegli aiuti economici annunciati da mesi e che molto spesso si sono rivelati solo promesse vacue. Il rischio di un ricorso a usurai e sciacalli per fronteggiare la mancanza di liquidità delle imprese è sempre più tangibile e non è certo la via d’uscita, semmai l’ingresso nel tunnel della disperazione dal quale un imprenditore non riuscirà mai più a tirarsi fuori”.

Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, rilancia il tema della pressione criminale sugli imprenditori, anche alla luce dello studio diffuso oggi dal Centro Studi nazionale di Confcommercio (campione di 682 imprese con meno di nove dipendenti) che conferma come il fenomeno dell’usura negli ultimi quattro mesi sia notevolmente cresciuto in tutta Italia, con percentuali molto più alte nel Mezzogiorno.

“Migliaia di imprese sono a forte rischio - aggiunge la Di Dio - e insieme a loro decine di migliaia di dipendenti che potrebbero perdere il posto di lavoro. Molti imprenditori non riescono ad accedere ai prestiti bancari, i soldi della cassa integrazione vengono erogati in grosso ritardo, proprio l’altro ieri è saltata la procedura legata al Bonus Sicilia che avrebbe dato un minimo di liquidità alle imprese: ascoltiamo promesse ma non vediamo fatti. Come si può pensare di andare avanti così, con una emergenza sanitaria ed economica che non accenna ad allentare la pressione?”

“Chi specula in modo criminale su queste situazioni - conclude la Di Dio - trova terreno fertile, offrendo a molti imprenditori quell’ossigeno finanziario che lo Stato non riesce a garantire: da lì in poi si entra in una strada senza uscita, con il rischio che le aziende vengano svendute a prezzi stracciati agli stessi sciacalli. Lo Stato deve fare la sua parte, bene e in fretta, perché tra qualche settimana sarà già troppo tardi per molti. E insieme alle imprese crolla il Paese”.

Già prima dell’estate Confcommercio Palermo aveva sensibilizzato l’opinione pubblica sul pericolo usura, lanciando la campagna “Al tuo fianco contro ogni criminalità” che ha l’obiettivo di assistere gli imprenditori vittime di pressioni illecite e per offrire gli strumenti legali necessari per resistere a condotte lesive della proprio libertà personale e d’impresa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento