menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La crisi del mondo dello spettacolo siciliano e il crollo degli incassi: firmato il decreto ristori

Sono 222 i soggetti assegnatari dei circa cinque milioni di euro stanziati per sopperire alle notevoli perdite. Il provvedimento è stato firmato dall'assessore del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione, Manlio Messina

Sono 222 i soggetti assegnatari dei circa cinque milioni di euro stanziati per sopperire alla perdita di incassi al botteghino o per la riduzione dei ricavi al netto di contributi da enti pubblici. E' stato firmato dall'assessore del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione siciliana, Manlio Messina, e pubblicato nelle scorse ore il decreto che assegna l'erogazione delle somme, a seguito dell'avviso pubblicato lo scorso novembre.

Entro pochi giorni saranno resi noti gli elenchi degli ammessi ai ristori per le attività teatrali con risorse che ammontano a circa 4 milioni e 800mila euro. Sono stati ammessi a partecipare i gestori di sale cinematografiche e i gestori sale teatrali, gli enti pubblici e privati, associazioni, cooperative, fondazioni e imprese attive nel settore dello spettacolo dal vivo relativamente ai mancati incassi da botteghino (teatro, lirica, rivista e commedia musicale, balletto, burattini e marionette, arte varia e circo, attività musicale classica, leggera e jazz), i mancati ricavi da coorganizzazione di spettacoli e i mancati ricavi da vendita spettacoli tra il primo marzo e il 31 ottobre scorsi superiore al 30 per cento rispetto alla media relativa al medesimo periodo degli anni 2018 e 2019; i parchi tematici e acquatici; il settore legato agli spettacoli pirotecnici.

"A meno di un mese dalla pubblicazione dell'avviso, come Governo Musumeci e grazie alla sensibilità dei deputati dell'Ars - spiega l'assessore Messina -, diamo una risposta immediata al mondo dello spettacolo e della cultura. Interveniamo a sostegno di un settore, quale quello delle attività legate agli spettacoli e al cinema, particolarmente colpite dalla pandemia Covid-19 in ogni sezione della filiera e da mesi in grandissima crisi, offrendo un ristoro e un sostegno per favorirne la continuità dell'attività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento