Venerdì, 14 Maggio 2021
Economia

Crisi da sovraindebitamento, nasce uno sportello a Confartigianato Palermo

Professionisti al fianco degli associati per ristrutturare e risanare i debiti aziendali. Un piano di rientro vincolante per i creditori e senza aggredire il proprio patrimonio 

Giuseppe Pezzati, presidente di Confartigianato Palermo

Hai un debito e non riesci a ripagarlo? Sei in crisi economica e non sai come saldare i conti con i tuoi creditori? Nessuna paura. Esiste una procedura, ai più ancora sconosciuta, che ti permette di ristrutturare la tua posizione debitoria attraverso una proposta sostenibile, che tiene conto dell’attuale situazione economica e che prevede la possibilità di effettuare uno stralcio, anche considerevole, dei debiti contratti nell’esercizio della propria attività ed anche di natura personale. C’è una legge del 2012, infatti, che offre un rimedio a tutti coloro che si trovano in stato di “sovraindebitamento” (ovvero coloro che non riescono più ad onorare puntualmente gli impegni assunti) e che non possono accedere alle procedure concorsuali previste dalla legge fallimentare poiché le dimensioni di Pmi non glielo consentono (ad esempio, le piccole imprese, le società artigiane, il consumatore stesso). 

Le leggi bisogna conoscerle, ma soprattutto, occorre mettere in atto tutte le procedure per riuscire ad ottenere i benefici previsti. Con questo obiettivo, Confartigianato Palermo ha siglato un accordo con dei professionisti che potranno farsi carico di tutta la procedura per risolvere la crisi da sovraindebitamento. 

“Ogni giorno lavoriamo per sostenere i nostri artigiani – dice Giuseppe Pezzati, presidente di Confartigianato Palermo – e trovare un modo per assisterli anche in un percorso di crisi economica è per noi una nuova piccola tessera del grande puzzle dei servizi che offriamo agli associati. Vogliamo aiutarli a spazzare via le loro ansie, sostenerli affinché non  vengano schiacciati dalla crisi economica. L’imprenditore che ha contratto dei debiti, ha bisogno di un’assistenza, di qualcuno che li affianchi in un percorso di riabilitazione. E per questa ragione che abbiamo aperto nella nostra sede di via Emerico Amari, lo sportello per il sovraindebitamento”.

Complice la crisi economica, oggi sono sempre di più le imprese che si trovano a dover affrontare improvvisamente situazioni di difficoltà. La legge 3/2012 fornisce un aiuto per ridimensionare i debiti accumulati senza dovere ricorrere al prestito usurario. 

L’operazione consiste nel dare gli imprenditori la possibilità di ristrutturare il proprio debito presentando un piano vincolante per i creditori. “Il debitore così – spiega Luigi Romano, uno dei professionisti che curerà le pratiche – non sarà più oggetto di esecuzione  ma diventerà soggetto proponente, invertendo il ruolo che contraddistingue il rapporto creditore/debitore in un’ottica propositiva nei limiti della sostenibilità del debito nella cui proposta potrà essere contemplato anche un significativo stralcio. L’imprenditore, anche in forma individuale, sarà affiancato da un team di professionisti esperti nella condivisione di un piano di ristrutturazione del debito sostenibile da presentare al Tribunale ed il cui esito positivo diventerà vincolante per i creditori”.

L’avvio di questo percorso consentirà al debitore di aprire un paracadute che lo renderà impermeabile ad eventuali aggressioni da parte dei creditori laddove rispetterà i termini della proposta inoltrata. La proposta di ristrutturazione del debito avrà valore con tutto il ceto creditorio siano essi privati, banche o pubblica amministrazione.

I professionisti che opereranno all’interno dell’associazione, si occuperanno della presentazione al tribunale di un piano dettagliato per un pagamento dilazionato o anche parziale dei debiti aziendali e successivamente della sospensione di ogni azione esecutiva dei creditori nei confronti dei beni del debitore che sarà imposta dal tribunale durante l’esecuzione della procedura. Sarà a disposizione anche la consulenza legale dell’avvocato Andrea Capone.

Lo sportello del sovraindebitamento sarà attivo tutti i giorni nella sede di Confartigianato Palermo ma riceverà su appuntamento. Per fissare un incontro, occorre chiamare lo 091.6117587.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi da sovraindebitamento, nasce uno sportello a Confartigianato Palermo

PalermoToday è in caricamento