Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

Dalla Regione 1,5 milioni per parchi tematici, geologici e acquari: "Così aiutiamo le aziende colpite dal Covid"

Contributi a fondo perduto per le aziende che hanno subito almeno una riduzione del 30% del fatturato nel 2020 rispetto al 2019. Domande da presentare entro il 24 luglio. L'assessore Amata: "Il governo interviene con fatti concreti a sostegno dell'economia dell'Isola"

Il governo Schifani scende in campo, ancora una volta, per sostenere l'attività economica delle imprese siciliane danneggiate dall'emergenza Covid. L'assessorato regionale al Turismo ha pubblicato, infatti, l'avviso denominato "Interventi in favore di parchi tematici, acquari, parchi e giardini geologici", stanziando un milione e 446 mila euro in favore di questo particolare settore turistico che, nel corso della pandemia, ha subito gravi perdite economiche. I contributi sono a fondo perduto ed erogati, a titolo di ristoro, nella misura massima della perdita di ricavi subita nel 2020 rispetto al 2019, sempre che la riduzione di fatturato sia almeno del 30 per cento. 

"Il governo regionale - afferma l'assessore al Turismo, Elvira Amata - interviene con fatti concreti a sostegno dell'economia dell'Isola. Con questo bando diamo una boccata d'ossigeno a quelle imprese siciliane che, durante la pandemia, hanno visto crollare il loro fatturato. Passo dopo passo  saneremo le ferite lasciate dal Covid e rilanceremo un settore, quello turistico, che per la Sicilia è davvero strategico. Come è nostra consuetudine, continuiamo a lavorare intensamente e concretamente per raggiungere quegli obiettivi che faranno decollare la nostra economia e che renderanno la  Sicilia una regione sempre più moderna e attrattiva". 

Nel dettaglio, l'agevolazione, in linea con il regime del "de minimis",  non potrà superare l'importo massimo complessivo di  200 mila euro nell'arco dell'esercizio finanziario in questione e nei due precedenti. Per quantificare l’ammontare dei finanziamenti si calcolerà la perdita complessiva del fatturato - i dati contabili dovranno essere attestati da un revisore o da un commercialista - di tutti i soggetti ammessi, e si determinerà il rapporto tra la perdita del singolo beneficiario e la perdita complessiva. Tale percentuale sarà applicata all’importo delle risorse a disposizione per calcolare la quota pro capite di ciascun beneficiario.

Le imprese interessate al bando devono essere iscritte alla Camera di Commercio, essere dotate di un sistema di biglietteria che certifichi la riduzione degli incassi, avere la sede legale o la sede operativa nel territorio siciliano. Le domande dovranno essere compilate secondo il modello predisposto, firmate digitalmente e inviate via pec entro il prossimo 24 luglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Regione 1,5 milioni per parchi tematici, geologici e acquari: "Così aiutiamo le aziende colpite dal Covid"
PalermoToday è in caricamento