Venerdì, 22 Ottobre 2021
Economia

Sicilia zona arancione e Confcommercio tuona: "Schiaffo a imprenditori e commercianti"

Patrizia Di Dio, presidente provinciale dell'associazione di categoria, prende posizione dopo il provvedimento firmato dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, che impone nuove restrizioni: "Le decisioni adottate sono inique, incoerenti e incongrue"

"Ancora una volta sono stati calpestati i diritti degli imprenditori e dei commercianti della Sicilia". Con queste parole Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, prende posizione dopo il decreto firmato dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. L'Isola da lunedì tornerà a essere in zona arancione mentre dal 3 al 5 aprile le restrizioni saranno massime, ovvero "zona rossa". 

Per Di Dio i commercianti siciliani sono "penalizzati da un decreto che evidentemente non tiene conto degli sforzi responsabili (e anche onerosi) che sono stati fatti nell’ultimo mese per mantenere sotto controllo la curva dei contagi. I bollettini ufficiali confermano che siamo stati tra i più virtuosi d’Italia ma nonostante questo torniamo in zona arancione senza un vero perché”. 

Da Confcommercio un nuovo grido di dolore: "Le nostre imprese commerciali dovranno fare i conti con nuove ristrettezze che creeranno ulteriori difficoltà a chi è ormai da tempo alla canna del gas e senza che il Governo abbia finora dato seguito alle promesse sui sostegni economici e sul differimento delle scadenze di tasse e tributi. Le decisioni adottate sono inique, incoerenti e incongrue. Quando la Sicilia aveva numeri da 'zona rossa' nessuno si è sognato di uniformare anche le regioni che stavano meglio. Ora che i 'numeri' sono da zona gialla, gli imprenditori che stanno lottando per farcela da soli, subiscono un altro duro colpo. Come se ci fosse un disegno perverso di mandarci al macero”. 

“C’è un fortissimo scoramento - ammette Di Dio - alimentato dal senso di ingiustizia e impotenza. Non possiamo stare in silenzio. Dove sono i politici siciliani che avrebbero il dovere di tutelare la Sicilia a tutti i livelli? Se questo è l’andazzo, sorge anche la preoccupazione che dal Recovery Fund possano essere destinate alla Sicilia e al Sud soltanto le “briciole”: sarebbe il colmo, considerato che si tratta di uno strumento che deve favorire la riduzione del gap economico, occupazionale e infrastrutturale tra Nord e Sud. Davvero la classe politica siciliana pensa di subire in silenzio l’ennesimo schiaffo? Rappresentanti del popolo siciliano, dove siete?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicilia zona arancione e Confcommercio tuona: "Schiaffo a imprenditori e commercianti"

PalermoToday è in caricamento