L'appello: "Fermare subito call center e cantieri navali, sono potenziali focolai"

La nota di Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista, e Frank Ferlisi, responsabile lavoro del partito

"Di fronte a questa emergenza nazionale vi sono luoghi dove la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici difficilmente può essere garantita. A Palermo abbiamo due luoghi simbolo che sono i Cantieri Navali e i call center". Inizia così la nota di Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista, e Frank Ferlisi, responsabile lavoro del partito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è possibile - dicono - che mentre una intera nazione si ferma, mentre sono imposte perfino libertà di movimento alle persone, perché la strategia adottata è quella di contenere gli spostamenti e quindi la diffusione del virus, vi siano enormi bacini di potenziali focolai che continuano a lavorare come se nulla fosse mettendo a rischio non solo se stessi ma le loro famiglie e l'intera città. Tutto questo è inaccettabile e pericolosissimo - continuano Fumetta e Ferlisi - perché non siamo in presenza di lavoratori e lavoratrici serie B e anche perché abbiamo un sistema sanitario regionale che è stato martoriato dalle scelte politiche liberiste degli ultimi trenta anni.
Rifondazione Comunista fa appello a Fincantieri e alle società che gestiscono i call center perché si fermino immediatamente e al Governo nazionale perché imponga lo stop".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento