Turismo, Confesercenti delusa dalla fase 2: "Un'impresa su tre rischia di non farcela"

Vittorio Messina, presidente di Confesercenti Sicilia e Assoturismo Confesercenti, lancia l'allarme: "Le imprese rischiano di implodere, con effetti drammatici per tutti: a rischio ci sono migliaia di attività e posti di lavoro"

"Siamo delusi e preoccupati per gli interventi previsti a favore del turismo. Delusi per le misure inserite nelle bozze del dl 'Rilancio' del governo Conte. E preoccupati per lo stop che potrebbero avere gli interventi approvati nella finanziaria regionale. Ad oggi non ci sono le condizioni per ripartire. Un'impresa su 3 rischia di non farcela". Così Vittorio Messina, presidente di Confesercenti Sicilia e Assoturismo Confesercenti, rilancia l'allarme del settore turismo sull'Isola, da cui dipende il 15 per cento del pil regionale, e preannuncia forme eclatanti di protesta.

"I giorni passano senza che alle imprese sia arrivato il minimo aiuto - aggiunge -. La detrazione di 500 euro sul credito d'imposta prevista nelle bozze del dl Rilancio è un intervento a pioggia dall'entità e dal respiro corto che non aiuta chi oggi è senza liquidità, la dotazione del fondo turismo è irrisoria e anche il bonus vacanze è sotto le aspettative. Se poi consideriamo le misure previste a sostegno della filiera del turismo in Finanziaria regionale, al momento sono tutte appese a un filo, alla possibilità e volontà del governo nazionale di destinare i fondi del Poc per il rilancio". Il conto della crisi, intanto, sale: un recente studio condotto da Cerved stima che se il lockdown dovesse cessare a giugno le imprese in Sicilia registrerebbero una perdita del proprio volume di affari pari a 6 miliardi di euro, perdite che raggiungerebbero il valore di 11 miliardi di euro nel caso in cui la chiusura delle attività dovesse perdurare fino settembre. "Non c'è più tempo, senza un sostegno mirato, il turismo non può farcela".

"Le imprese rischiano di implodere, con effetti drammatici per tutti: a rischio ci sono migliaia di attività e posti di lavoro. Servono provvedimenti che siano di immediata esigibilità per i soggetti beneficiari, senza eccessivi passaggi burocratici", sottolinea. A essere insoddisfatta è tutta la filiera: agenzie di viaggio, tour operator incoming, stabilimenti balneari, guide turistiche, alberghi, campeggi, strutture ricettive extralberghiere, noleggiatori, bus e autovetture con conducente, bar e ristoranti. A mancare, secondo Confesercenti Sicilia, sono "tempi e protocolli chiari che indichino le regole nel rispetto delle quali sarà possibile riaprire. Finora - conclude - le ipotesi trapelate sui giornali, in molti casi, renderebbero diseconomico riavviare le attività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si arrende alla chiusura ma denuncia le difficoltà del settore  Marco Mineo, presidente di Assohotel di Confesercenti Palermo. "Noi non ci arrendiamo, il settore turistico alberghiero non può fermarsi o addirittura morire - sottolinea - La politica non ci viene incontro, gli aiuti non arrivano, tutta la filiera è in crisi nera, ma il dovere di tutti è adesso trovare soluzioni". Mineo pone l'accento sui numeri: "In seguito all'emergenza sanitaria il settore registra l'annullamento del totale delle prenotazioni e quest'anno lavorativo è andato perso. Attualmente dobbiamo far fronte a difficoltà di ogni tipo, da quelle economiche a quelle logistiche, necessarie per ripartire, ma come facciamo senza una politica che ci sostiene, senza linee guida e senza i protocolli da adottare che tardano ancora ad arrivare? La filiera, che non riguarda di certo soltanto le attività ricettive, ma una varietà di soggetti ora sull'orlo del baratro, ha bisogno di contributi a fondo perduto e sostegno su tutti i fronti per poter concretizzare il rilancio a cui tutti miriamo. Bisogna anche chiarire, dal punto di vista delle responsabilità legali, chi dovrà rispondere di eventuali casi legati al Covid-19 nelle strutture alberghiere, sia tra gli ospiti che tra i dipendenti. Sono tante le domande che ancora ci poniamo. Sono tante anche le parole e le promesse del Governo, ma il settore turistico-alberghiero ha bisogno, come tutti gli altri, di concretezza. E in tempi brevi, perché le nostre strutture non chiuderanno".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento