Virus, Fit Cisl: "Settore portuale rischia crisi difficilmente risolvibile"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Servono con immediatezza misure straordinarie per fronteggiare la crisi economica nei porti, è assolutamente inconcepibile la mancata ripartenza del trasporto passeggeri via mare, le navi ancor meglio di altri mezzi di trasporto e in considerazione delle loro dimensioni, garantiscono distanziamento sociale e rispetto delle procedure di sicurezza per lavoratori e passeggeri”. A dichiararlo è Nino Napoli, dirigente regionale Portualità della Fit Cisl Sicilia, al culmine di una web conference, voluta dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale guidata da Pasqualino Monti, con la partecipazione dell’ammiraglio Roberto Isidori, direttore marittimo della Sicilia Occidentale, delle imprese portuali, degli armatori, delle imprese di logistica, delle associazioni datoriali e dei sindacati. Durante l’incontro è emersa la condizione di profonda crisi economica dell’intero cluster marittimo/portuale a causa della pandemia. Napoli continua: “Va dato atto al presidente Monti di aver accolto la nostra richiesta di adottare la previsione normativa contenuta dall’art. 17 comma 15/bis della legge 84/94, e quindi far giungere liquidità all’azienda portuale fornitrice di manodopera temporaneamente in difficoltà, al fine di mantenere tutti gli attuali livelli occupazionali. Restano però intatte le preoccupazioni degli stakeholders del cluster marittimo/portuale su una fase di riavvio che non si è concretizzata. Va rivisitata - continua Napoli - la prosecuzione dello stop al traffico passeggeri. Sono circa trecento i lavoratori attualmente in cassa integrazione su un totale complessivo di quattrocento addetti che, grazie al grande senso di responsabilità delle aziende che hanno anticipato l’ammortizzatore sociale, non hanno sofferto i ritardi della burocrazia”.

Ma dalla Fit aggiungono “questa condizione si è esaurita, le aziende sono al collasso e la mancata ripartenza del traffico passeggeri, anche parziale così come avvenuto per altri settori dei trasporti, acuisce il senso di disperazione e angoscia per un riavvio che appare chiaro sul come decisamente incerto sul quando. Conosciamo le capacità del presidente Monti, sono già riprese le attività di 49 cantieri su 51, siamo certi che farà tutto il possibile per trovare soluzioni che possano salvaguardare i lavoratori e le imprese del network. Il grido di allarme della portualità giunga alla politica ed alle istituzioni a tutti i livelli, non si può rappresentare il 4% del Pil nazionale ed apparire invisibili, il governo regionale inserisca nelle previsioni di ripartenza del 18 maggio anche il traffico passeggeri via mare, serve alle imprese, ai lavoratori ed allo sviluppo economico dell’intera regione”. Napoli conclude “Il governo regionale ascolti questo grido d’allarme della portualità, volano fondamentale per lo sviluppo economico-turistico dell’Isola”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento