Aziende in ginocchio per il Covid, Confcommercio al Comune: "Ridurre e rateizzare i tributi"

Per evitare che le aziende possano crollare per l'immediata mancanza di liquidità, i commercianti chiedono decurtazioni delle tasse e sospensione degli atti di riscossione per tutte quelle attività obbligate a chiudere per le norme imposte dal governo nazionale

"Riduzione di Imu e Tari a favore degli albergatori; sospensione dell’invio degli avvisi di accertamento degli atti di riscossione e degli avvisi bonari relativi ai tributi locali fino ai tre mesi successivi alla conclusione del periodo di emergenza; analoga dilazione per le rate dei piani di dilazione già concordati".

Confcommercio Palermo ha inviato al sindaco Leoluca Orlando e all’assessore alle Attività produttive Leopoldo Piampiano alcune proposte provenienti dalle varie categorie produttive per fronteggiare l’emergenza economica causata dal Coronavirus. 

Le proposte fanno seguito alla riunione in teleconferenza di giovedì scorso, durante la quale l’assessore Piampiano ha chiesto che venissero formulati suggerimenti per l’adozione di provvedimenti in grado di aiutare la ripartenza. “Un primo contatto utile per comprendere le oggettive difficoltà - commenta Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo -, ritrovare un dialogo con l’amministrazione, ricostruire un clima di fiducia e promuovere più che mai il senso di comunità e solidarietà, provando a immaginare un futuro possibile”.

Confcommercio Palermo dedica particolare attenzione, in un'ottica di ripartenza, al miglioramento e potenziamento del Suap, lo Sportello Unico Attività Produttive, ritenuto il primo e più importante “adempimento” che lega il mondo produttivo con l’Amministrazione ma che spesso - nel recente passato - si è rivelato inadeguato. “Non possiamo più permetterci un sistema burocratico lento e farraginoso”, dice la Di Dio, chiedendo che vengano smaltite le pratiche arretrate e rispettati i tempi di risposta previsti dalla legge. All’Amministrazione viene anche chiesto un potenziamento dei sistemi di digitalizzazione dei procedimenti e l’istituzione di un tavolo tecnico permanente che possa valutare in tempo reale le proposte di migliorie per le procedure e i regolamenti di settore.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confcommercio Palermo ha poi proposto - per evitare che le aziende possano crollare per l’immediata mancanza di liquidità - "una sospensione dei termini per il pagamento dei tributi locali e in particolare una decurtazione della Tari che tenga conto dell’obbligo di chiusura delle attività per tutti quelli, la quasi totalità, che hanno dovuto aderire alle misure restrittive imposte dal Governo nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento